Un sito web su Firenze

E’ nato un nuovo sito web su Firenze. Sono tanti e un in più non serviva, ma a volte le cose si fanno per passione e parlare di Firenze non può essere che passionale.

Questo è il link:

www.florencecity.it

Questo è il logo:

logo2-1

FIBROMIALGIA : UNA MALATTIA TROPPO CONTESA

FIBROMIALGIA : UNA MALATTIA TROPPO CONTESA

 

In Emilia Romagna c’è una gara a chi porterà prima  la Fibromialgia al Riconoscimento.

 

di Morena Pantalone

Linea QN

 

Come delle formichine, di comune in comune, operose e quasi instancabili, consumando le loro già poco disponibili energie, le persone con Fibromialgia intervengono per ADRENAL-FATIGUE-SYMPTOMSsensibilizzare le amministrazioni di provincia.

Succede in Emilia Romagna ( Petizione Popolare Emilia Romagna)

Già tre consigli comunali della provincia di Ferrara hanno accolto l’istanza, sperando che, anche in sede regionale si possa portare presto all’ordine del giorno l’argomento delle tre patologie più scomode al mondo.

Si, scomode ovunque.

Perchè i pazienti di cui parliamo soffrono di fenomeni di allergizzazione e intossicazione da sostanze chimiche ad uso quotidiano. Quindi non solo farmaci e cibo inquinato, ma anche abbigliamento e mobilio.

Quanti interessi verrebbero meno se il mondo fosse più pulito?

Read more

La Vignetta 0602 – il sindaco va e viene – di Franco Stivali

angolo

0602 - il sindaco va e viene (30.OTT.15)

vignetta di Franco Stivali

Franco Stivali

La Vignetta 0601 – alto senso del dovere – di Franco Stivali

angolo

0601 - alto senso del dovere (30.OTT.15)

vignetta di Franco Stivali

Franco Stivali

Nuova classifica dei più “potenti” del mondo (e Renzi non c’è)

CAlessandro Mauceri

C.Alessandro Mauceri

http://www.dazebaonews.it/italia/fatti-opinioni/item/37985-ecco-i-piu-potenti-del-mondo-il-papa-al-quarto-posto.html

La rivista americana Forbes ha pubblicato la lista dei 73 leader politici, finanziari, filantropi ed imprenditori più potenti del mondo (uno ogni 100 milioni di abitanti del pianeta). La selezione è stata fatta basandosi su diversi parametri come l’impatto sociale, le risorse finanziarie e la sfera d’influenza che queste persone hanno.
Si tratta dello 0.00000001 per cento della popolazione che ha veramente il potere di cambiare il futuro del pianeta. Giusto per fare un esempio, al quarto posto compare Papa Francesco: non a causa delle ricchezze del Vaticano, ma in quanto leader spirituale di oltre un miliardo di cattolici. Ovvi i criteri di scelta nel caso di alcuni imprenditori: Bill Gates (sesto) è stato scelto in base alla sua ricchezza. In altri casi, però, la selezione non è stata fatta valutando solo la ricchezza reale, ma le risorse “potenziali”: come nel caso del re dell’Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud (14esimo) che controlla il 20 per cento delle riserve di petrolio del mondo.

Con grande sorpresa, e per il terzo anno consecutivo, al vertice di questa lista è finito il presidente russo Vladimir Putin. Dietro di lui la cancelliera tedesca Merkel, in ascesa di ben tre posizioni (era al quinto posto l’anno scorso). Grande sorpresa per il presidente degli Stati Uniti Barak Obama “solo” al terzo posto (era secondo nel 2014).

E gli italiani? Nessuno occupa posti di rilievo. Renzi non compare neanche nella lista dei primi 73. Il primo e unico connazionale ad essere riportato nella lista è Mario Draghi all’undicesimo posto, ma solo in quanto governatore della Banca centrale europea e, aspetto tutt’altro che secondario, in netto calo rispetto al 2014 (quando si era piazzato all’ottavo posto).

C.Alessandro Mauceri

 

In nome di Allah, si consuma la strage

In nome di Allah, si consuma la strage

 

 

di Antonella Policastrese

1420907450052.jpg--

Una tranquilla serata di un Venerdì, 13 novembre. Ho appena finito di vedere la trasmissione di Crozza e rimango sintonizzata sulla sette, pochi minuti, il tempo di sentire Mentana che in un’edizione straordinaria, annuncia l’orrore scatenatosi a Parigi. Read more

I quarantenni di destra? Categoria dello spirito

 I quarantenni di destra? Categoria dello spirito

di Augusto Grandi
girano

Arriva un nuovo partitino a destra? Indubbiamente se ne sentiva la mancanza. Troppa unitarietà diventava fastidiosa. Meglio qualche sana divisione in più. Per raccattare qualche altro zero virgola,  ne non fa mai male. A scendere in campo saranno i sedicenti quarantenni che, assicurano, non sono una emanazione di Fini e Aledanno. Non è importante sapere se i due personaggi in cerca di partito operano o meno dietro le quinte. Sarebbe più interessante scoprire se essere quarantenni rappresenta una categoria dello spirito, un programma politico, un progetto culturale. Ex giovani non ancora cresciuti? mani-sulla-poltrona-300x199Uomini di grandi qualità ancora inespresse? Cosa significa, al di la’ del dato anagrafico, essere un gruppo di quarantenni? Mah. Per ora si sa solo che vorrebbero allargare l’area di destra. Oddio, tutti quelli che si impegnano in politica vorrebbero ampliare l’area di riferimento. Essere degli zero virgola non entusiasma nessuno. Ma su quali progetti vorrebbero ampliarsi? Moderati, duri e puri, intransigenti, inciucisti? Cosa sono? Cosa vogliono essere e rappresentare? Read more

Italiani popolo di …..ignoranti (secondo certi studi)

CAlessandro Mauceri

di C.AlessandroMauceri

http://www.dazebaonews.it/italia/fatti-opinioni/item/38039-l-italia-e-diventata-la-patria-dell-ignoranza.html

 

Per strano che possa sembrare, l’Italia, nell’antichità culla della cultura e del sapere, oggi è diventata patria dell’ignoranza.

Secondo i ricercatori che hanno condotto lo studio Perils of Perception, per Ipsos-Mori, la maggior parte delle persone “ignora” la realtà che e non conosce come stanno realmente le cose.

La ricerca ha analizzato le conoscenze dei cittadini su diversi temi di pubblico interesse: dal tasso di disoccupazione agli immigrati, dall’aspettativa di vita alla percentuale di cristiani e di musulmani e molte altre. Ebbene in tutti i paesi analizzati (oltre all’Italia, Polonia, Francia, Spagna, Germania, Belgio, Ungheria, Svezia, Gran Bretagna, Giappone, Corea del sud, Australia, Canada e Stati Uniti), la conoscenza di molti temi di pubblico interesse sono risultate bassissime. Decenni di cattiva informazione e di disinformazione hanno ottenuto i risultati sperati e oggi gli italiani non sanno cosa Read more

Gli skizzi di Fabu – 02 – isis

isis 02

Gli skizzi di Fabu

di Fabio Buffa

Fabio Buffa

La Vignetta 0600 – ognuno ha i guai suoi – di Franco Stivali

angolo

0600 - ognuno ha i guai suoi (27.OTT.15)

vignetta di Franco Stivali

Franco Stivali

La rubrica Balasso 070

La rubrica Balasso 070

Natalino Balasso mi ha autorizzato a gestire una rubrica utilizzando le pubblicazioni della sua pagina facebook.

“Ego te autorizzo a far quel cazzo che vuoi coi miei scripti, cum publicatione sul tuo sito, basta che scrivi che son miei” Firmato Balasso

natalino balasso

A più riprese tornano inchieste sulle “sofisticazioni” alimentari. Oggi, a tener banco è quella sugli olî d’oliva venduti come extravergine. Abbiamo un bel parlare di spremitura a freddo e di tecniche di lavorazione, la verità è un’altra: la sofisticazione siamo noi.
Pretendiamo che arrivino al supermercato sotto casa, disponibili in quantità industriali sempre pronti sullo scaffale, prodotti che sono soggetti alla variabilità naturale.
La nostra naturale ricerca di una vita scevra da affanni e fatiche si va trasformando nella compulsiva richiesta di qualunque cosa possa somigliare vagamente a ciò che desideriamo. La nostra infelicità autoinflitta ci chiede di spostarci a cazzo per il pianeta e pretendere che l’atmosfera sia pulita, riscaldiamo l’esterno dei bar solo perché non siamo capaci di fumare una sigaretta in piedi e parliamo di risparmio energetico.
La questione dell’olio è ben altra e riguarda tutte le porcherie legislative che in nome di una crescita farlocca si sono succedute fino ad oggi. Prima fra tutte il fatto che nessun produttore è più obbligato a segnalare in etichetta la provenienza delle olive, cosa che mi sembra fondamentale per stabilire se un olio è buono; non me ne frega un cazzo se tu segui tutte le procedure per fare l’olio extravergine e poi compri olive gonfiate con aggiuntivi e antiparassitari e maturate in stiva provenienti da nazioni che non hanno nessuna legge protettiva per il “consumatore”. Perciò quando leggete “olive spremute a freddo” oppure “olio prodotto in Toscana” non avete nessuna garanzia su che cazzo di olive stiano spremendo in quel modo e in quel luogo.
La sofisticazione siamo noi nel momento in cui ci definiamo consumatori, perché accettiamo l’idea che il cibo sia merce, mangiamo merce e diventiamo merce a nostra volta. Questo perché abbiamo sposato il paradosso della crescita che è un parametro che riguarda dati complessivi. Cresce tutto: la qualità della lavorazione, la cura della confezione, il prodotto lordo, gli accessori inutili di cui son fatte le cose che compriamo; ma gli individui no, gli individui sono sempre più piccoli, sempre più compressi dalla mole di merda e di falsità da cui si lasciano volontariamente schiacciare.

La nuova Italia? Arrogante, vigliacca, stupida

La nuova Italia? Arrogante, vigliacca, stupida

di Augusto Grandi
girano

Il ragazzotto che ha ammazzato la madre della fidanzata e ferito gravemente il padre era plagiato dalla ragazza o era un bastardo di suo? In fondo la risposta non è importante, se non per le indagini. Il problema, molto più grave, è che l’assassino assomiglia molto alle Meglio_teppisti_che_studenti_-_scritta_sul_murobande di ragazzotti deficienti che si possono incontrare sugli autobus o sui treni. Caratterizzati da occhi spenti, non dall’abuso di droghe  ma per deficienza congenita, con il cappellino d’ordinanza indossato al contrario, con l’arroganza dovuta al gruppo e non ad una sfida individuale. Prepotenti nei confronti degli anziani, maleducati, capaci di sfidare i controllori che cercano solo di evitarsi problemi. Read more

I Grillini ce la faranno?

I Grillini ce la faranno?

di Antonella Policastrese

beppe-grillo-movimento-cinque-stelleRicordate i risultati delle Elezioni europee del maggio 2014 ?  Nella immediata vigilia del voto, cioè agli inizi di maggio, il Partito democratico era accreditato del 34 per cento dei suffragi, distaccando il suo inseguitore, il Movimento 5 stelle, di circa 10 punti percentuali. Gli istituti che realizzano sondaggi, nel mese di febbraio, davano invece il partito di Matteo Renzi sotto la soglia del 30 per cento e gli antagonisti pentastellati ancorati saldamente a quella previsione del 23 per cento. Read more

ATTACCO AL CUORE DELL’EUROPA

ATTACCO AL CUORE DELL’EUROPA

PARIGI

di Stefano Becciolini

fahrenheit912

Video

Le notizie Che provengono da Parigi Sono drammatiche e convulse. Il Ministro Olanda ha decretato lo Stato di Emergenza e chiuso le frontiere Francesi. Mezzi militari Stanno convergendo a Parigi.
Le notizie di Quello che sta accadenso Sono drammatiche. Un terrorista Si e Fatto esplodere fuori Dallo Stadio Dove si giocava la partita Francia Germania un cui assisteva il Primo Ministro Francese. Altri Terroristi Hanno Sparato con fucili a pompa in mezzo alla folla nel Teatro Bataclan in centro Parigi.
I Punti di attacco dei Terroristi Sono Read more

L’europa tomba dei popoli

L’europa tomba dei popoli

 

di Antonella Policastrese

diverse-mani-con-la-bandiera-di-unione-europea-39120117

Non si placa il vento della protesta che sta scuotendo l’Europa della finanza e delle banche. Risulta sempre più chiaramente che da quando siamo entrati nell’euro, i popoli hanno perso la loro sovranità e qualsiasi decisione presa per scrollarsi di dosso il giogo della dittatura, finisce con un nulla di fatto. Read more

La Russia sotto attacco nello sport, ma Mosca e’ colpevole

La Russia sotto attacco nello sport, ma Mosca e’ colpevole

 di Augusto Grandi
girano
La guerra della Russia contro l’Isis in Siria? Vietato occuparsene. Soprattutto vietato farla. È visto che Putin si ostina, a far la guerra contro di lui provvede il mondo dello sport che 700_dettaglio2_Putin-Obama1chiede di escludere i russi da ogni competizione perché dopati. Beh, certo, il mondo dello sport al servizio degli USA e dei suoi servi è così pulito da potersi permettere di dare lezioni di moralità e serietà. Sono bastati 150 anni per accorgersi che il ciclista yankee che aveva vinto tutto era leggermente dopato.

Read more

La Corte Costituzionale boccia ancora Mario Monti.

La Corte Costituzionale boccia ancora Mario Monti.

di Marco Mori

studiolegalemarcomori

thasini

Non c’è due senza tre… La Corte Costituzionale boccia ancora Mario Monti.

E speriamo che davvero non sia finita qui. Mario Monti è stato ancora bocciato con durezza dalla Corte Costituzionale, che con sentenza n. 216/2015 ha sancito l’illegittimità costituzionale dell’art. 26 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici), convertito, con modificazioni, dall’art. 1, comma 1, della legge 22 dicembre 2011, n. 214.

Trattasi della legge che disponeva la prescrizione anticipata della Lira ed il passaggio del relativo controvalore nelle tasche dell’erarioLa sentenza segue le altre due sonore bocciature patite dalla banda Read more

La rubrica Balasso 068

La rubrica Balasso 068

Natalino Balasso mi ha autorizzato a gestire una rubrica utilizzando le pubblicazioni della sua pagina facebook.

“Ego te autorizzo a far quel cazzo che vuoi coi miei scripti, cum publicatione sul tuo sito, basta che scrivi che son miei” Firmato Balasso

natalino balasso

“Per determinare la tua posizione approssimativa, i servizi di localizzazione utilizzano il GPS, il Bluetooth e le informazioni crowd-sourced sulle posizioni degli hotspot Wi-Fi e delle torri cellulari.”

Ecco perché è arrivata a mia madre questa telefonata: “Signora, sono Google Map, sa dov’è suo figlio, esattamente?”

Dramma in famiglia

Dramma in famiglia

di Antonella Policastrese

foto da facebook Antonio TagliataAncora un’altro omicidio. Ancona. Un diciottenne Antonio Tagliata spara ed uccide Roberta Pierini, madre della sua ragazza e ferisce gravemente il padre di lei, Fabio Giacconi, ricoverato in ospedale in coma irreversibile. Il ragazzo, voleva un chiarimento con i genitori della ragazza che osteggiavano la loro storia amorosa, risoltasi con lo svuotamento di pallottole che hanno messo la parola fine ad una tragedia in qualche modo annunciata. Cos’è che sta succedendo? Rapporti sempre più tesi tra adulti e ragazzi, mondi che viaggiano parallelamente, mancanza di dialogo, di regole, incapacità a  spiegarsi. Essere genitori in questo mondo di lupi diventa sempre più difficile. Da quando sono venuti meno gli ideali e l’unico valore è il denaro, qualcosa sta franando sotto i piedi, ed in questo continuo caos si fa fatica a trovare il bandolo della matassa. Read more

BISCAZZIERE E SPACCIATORE


di Luigi Orsino

Blog FAHRENHEIT 912

COPERTINA

BISCAZZIERE E SPACCIATORE: Che talvolta occorra usare la forza della costrizione per impedire agli esseri umani di fare del male ad altri o se stessi è un dato che diamo per scontato, purtroppo l’uomo o non sa auto regolarsi o manca della morale sufficiente a non commettere azioni a danno dei propri simili.
Fortunatamente non tutti, ma una percentuale, non irrilevante, purtroppo si. Lo Stato, per definizione, deve farsi garante dell’etica umana, promuovere i comportamenti socialmente utili e sanzionare quelli dannosi. Ma è veramente Read more

La Vignetta 0599 – quando si dice strafare – di Franco Stivali

angolo

0599 - quando si dice strafare (25.OTT.15)

vignetta di Franco Stivali

Franco Stivali

Bergoglio in mezzo ai lupi

Bergoglio  in mezzo ai lupi

di Antonella Policastrese

vaticano

Non avremmo mai creduto che il Papa dei poveri e degli ultimi, si sarebbe trovato sotto attacco da parte di cardinali e prelati avvezzi alla bella vita ed alla necessità di gestire denaro, come se fossero dei laici qualsiasi. Francesco ,d’altronde porta il nome di un santo, che aveva distribuito tutti i suoi averi ai poveri rinunciando alla vita agiata che il padre voleva  per lui.
E’ la prima volta nella storia della Chiesa che assistiamo ad un Papa che sceglie come nome per il suo apostolato quello di Francesco. ….Nessun credente  può parlare di povertà e vivere da faraone… dice Papa Bergoglio e Read more

Processo Renzi – Maiorano il 13 Novembre. Lo sapevate?

di Jacopo Cioni

renziL’udienza del processo in cui Alessandro Maiorano, dipendente del Comune di Firenze è imputato per diffamazione dal premier Matteo Renzi (detto shish) prima è stata rinviata da giugno a marzo adesso anticipata a Novembre. Si terrà il 13 novembre, fra 2 giorni.

I media ovviamente nicchiano, come loro costume, nessuno sa che c’è questo processo in atto se non i pochi addetti ai lavori… meno riscontro mediatico c’è, meglio è. Vorrò vedere quanto i telegiornali dedicheranno di spazio a questa notizia il 13.

alessandro-maioranoLa Procura di Firenze ha accolto la richiesta di Maiorano di accorciare i tempi e il suo avvocato Taormina sembra pronto alla difesa. L’accusa è di diffamazione? Bene la difesa dovrà dimostrare, carte alla mano e testimoni all’orecchio, che i fatti sono reali e quindi cadrà l’accusa. Si aprirà però un altro fronte, e cioè, se i fatti sono reali come potrà la Procura non approfondire?

La linea difensiva diventerà accusatoria! I fatti compariranno in aula e si parla di molti fatti, alcuni conosciuti come:

  • La residenza del premier Renzi, allora non premier, in via Alfana con affitto pagato dal fedelissimo Marco Carrai.
  • La Florence Multimedia.
  • La Fondazione Strozzi.
  • Il Genio Fiorentino.
  • Fondazioni che facevano capo a Carrai. ( Museo di Firenze, Aeroporto di Firenze, Firenze Parcheggi).
  • Il rapporto fra Lusi e Renzi (soldi).

altri sconosciuti e che saranno presentati in aula. (ESCORT?)

maria-elena-boschiLuca-LottiFra i testimoni eccellenti che dovrebbero comparire si parla del Ministro Boschi e del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti, non in riferimento alle cariche oggi presiedute, ma rispetto ai ruoli che avevano all’epoca.

La Procura dovrà attivarsi? Il processo contro Maiorano diventerà invece il processo contro Renzi?

Insomma un processo che dovrebbe essere su tutti i giornali e televisioni è invece anonimo, troppo anonimo.

Che dite, Non vorreste saperne di più? Avete due modi, o seguire la stampa libera su internet o partecipare come spettatori al processo, perchè se contate sui mezzi di informazione convenzionali… non saprete mai abbastanza. Se volete partecipare, trovatevi in aula il 13.

Jacopo Cioni

Jacopo

Gli skizzi di Fabu – 01 – La Chiesa!

Gli skizzi di Fabu 001

Gli skizzi di Fabu

di Fabio Buffa

Fabio Buffa

BLACKWATER: I SIGNORI DELLA GUERRA UTILIZZATI DA GOVERNI E MULTINAZIONALI

di Stefano Becciolini

Blog FAHRENHEIT 912

COPERTINA

A molti lettori questa sigla non dirà nulla, ma si tratta della più grande Azienda di sicurezza mondiale che dal 2011 ha acquisito il nome di “Academi“,dopo la sua vendita ad un gruppo di investitori privati nel 2010.
Fondata nel 1997 da  Erik Prince, ex ufficiale dei Navy Seal di origine Olandese, di ricca famiglia, ed ha il suo centro di addestramento Moyock in Carolina del Nord.
Opera nel settore delle PLC (Private Military Company) a  livello mondiale e tra i suoi maggiori proventi arrivano o arrivavano dal Governo USA. Dal 1997 al 2010 ) prima della sua acquisizione) ha ricevuto 2/Miliardi di contratti dal parte del Governo Americano, di cui 1.6/Miliardi per ingaggi Federali (C.I.A.) considerati non classificati, quindi non rintracciabile la provenienza esatta o lo scopo dell’ingaggio. La Blackwater ha lavorato negli anni anche per altri Governi come quello Saudita, Cinese, Giordano, Canadese, e addestrato le forze di Polizia dei Paesi Bassi e del Brasile, nonchè ha fornito i suoi “servizi” per diverse società multinazionali, tra cui MonsantoChevronla Walt Disney CompanyRoyal Caribbean Cruise Lines e giganti bancari come la Deutsche Bank e Barclays.  Voci non confermate, ma sicuramente attendibili dicono che la Società di Sicurezza ha fornito e fornisce operatori alla Monsanto, da infiltrare nei gruppi di attivisti che si organizzano contro la società Multinazionale di Bio tecnologie.
La BlackWater è stata al centro di polemiche sia per la strage del 2007 al mercato di piazza Nisour a Baghdad, dove quattro operatori della Blackwater aprirono il fuoco contro persone inermi, che per la creazione di 30 società di comodo al fine di ottenere contratti milionari con il Governo Americano. Ma la domanda che sorge spontanea è: quali  sono i motivi per cui una società come la Blackwater che da ora chiameremo con il suo nome attuale “Accademi”, è così quotata sul mercato internazionale della sicuerezza e non solo? Quali sono i reali servizi che svolge per conto dei Governi più’ o meno discutibili moralmente? Gli interessi dell’Accademi ora si stanno rivolgendo per conto del Governo Cinese in Africa, desideroso di accesso ad alcune delle risorse naturali del continente. Una delle Aziende del suo fondatore Erik Prince, la Frontier Services Group, sta fornendo la logistica per le operazioni minerarie, petrolio e gas naturale in Africa alla ditta Citic Group, una grossa società di investimento cinese di proprietà statale. L’Accademi (ex BlackWater) aveva fatto la sua comparsa anche in Ucraina nel 2014 con una delle sue molteplici società, la “Greystone Limited”. Mosca aveva denunciato la presenza di 150 “esperti americani” a Donetsk, dei veri e propri agenti provocatori e destabilizzatori.
Un gruppo para militare, guidato da un’ex Ufficiale dei reparti speciali della marina Americana che fornisce uomini, esperienze e forse armi a governi e multinazionali, al fine di proteggere i loro investimenti in altri paesi conquistati o da conquistare e non solo militarmente. Segnali inquietanti di un mondo che vuole risolvere i problemi assoldando “mercenari” o “contractors”, la globalizzazione ha modificato anche questo aggettivo. Ma non c’è molto da stupirsi se si assoldano mercenari per operazioni diciamo “di polizia”, Henry Kissinger (ex Segretario di Stato USA dal 1973 al 1977  e Consigliere per la Sicurezza Nazionale) è tra le figure più potenti del Club Bilderbergha da tempo auspicato la creazione di una forza mercenaria globale per combattere i terroristi sotto la supervisione del Congresso Americano, come dichiarato dallo stesso ex segretario di stato alla giornalista Americana di Fox News, Bill O’Reilly. Le affermazioni di Kissinger non mi  sorprendono affatto visto che lui ha supervisionato direttamente i colpi di stato contro i governi eletti in Sud America e in altri luoghi, così come il massacro in Vietnam e Cambogia, sotto la giustificazione della lotta contro l’ascesa del comunismo. Kissinger  si considera un “globalista convinto” che all’età di 91 anni continua a scrivere libri che chiedono apertamente la creazione di un governo mondiale, perché, egli suggerisce, gli stati nazionali stanno causando scompiglio nel mondo moderno.

Per concludere questo mio editoriale vi esorto a riflettere su quanto avete letto e se possibile usare un filo logico per determinare e misurare avvenimenti, fatti ed ipotesi future di pacifica convivenza in un mondo globalizzato con un’unico Governo Mondiale, un’unica religione, un’unica economia e un’unico esercito “privato” che risponderebbe esclusivamente alla logica del profitto .
Stefano Becciolini
Stefano Becciolini

Meno salute per tutti: la nuova promessa del bugiardissimo

di Agusto Grandi
girano

Meno salute per tutti: la nuova promessa del bugiardissimo: A volte rinsaviscono. Dopo essere diventato un fedele seguace del bugiardissimo, Sergio Chiamparino si è accorto che il sedicente genio di Palazzo Chigi in realtà e’ solo chiamparino renziun apprendista stregone. Un pessimo apprendista. Così il governatore del Piemonte, alla guida di una maggioranza di sinistra, ha scoperto che i tagli delle tasse annunciati dal bugiardissimo verranno pagati dalle Regioni. E, nella sua ottica di presidente regionale, le conseguenze ricadranno sui cittadini. Read more

ULTIMA LETTERA AD UN ABITANTE DEL PAESE DEGLI STRONZI

di Gabriele Garzoli

lettera

ULTIMA LETTERA AD UN ABITANTE DEL PAESE DEGLI STRONZI

Nel 2014 decisi che avrei dedicato ancora due anni della mia vita per aiutare almeno cento persone che costituiscono la mia dimensione affettiva e garantire loro una vita accettabile.
In questo paese di stronzi che non investono un ora del proprio tempo nel tentativo di risolvere almeno i problemi locali. All’età di settant’anni perché dovrei farlo io? Perchè i giornali parlino del sottoscritto come salvatore della patria? Per dimostrare che sono onesto , leale e solidale?
Vediamo invece a cosa dovrei rinunciare. A scrivere Read more

La Vignetta 0598 – fondate preoccupazioni – di Franco Stivali

angolo

0598 - fondate preoccupazioni (22.OTT.15)

vignetta di Franco Stivali

Franco Stivali

Al Queda multiuso!

di Fernando Rossi

al queda

Al Queda multiuso!

In effetti la politica estera degli USA, ancorchè guerrafondaia, per la gioia delle multinazionali degli armamenti, appare molto schizzofrenica e non certo solo a causa dei disturbi mentali dell’ex Presidente Bush, visto che Bush padre, Clinton e ora Obama hanno allevato, organizzato e armato quegli stessi gruppi, usati in Afghanistan, Jugoslavia, Cecenia, Libia, e che ora, nei comunicati, chiamano ‘terroristi islamici’, … ma continuano ad usarli, massicciamente, in Siria ed in Iraq …

Fernando Rossi

Fernando Rossi

La rubrica Balasso 069

La rubrica Balasso 069

Natalino Balasso mi ha autorizzato a gestire una rubrica utilizzando le pubblicazioni della sua pagina facebook.

“Ego te autorizzo a far quel cazzo che vuoi coi miei scripti, cum publicatione sul tuo sito, basta che scrivi che son miei” Firmato Balasso

natalino balasso

Emilia Romagna, torneo di calcio dei giovanissimi. Le partite durano un’ora. Una squadra si trova in vantaggio per 31 a zero. La media è di un gol ogni 90 secondi. Il divario tra le due squadre è assurdo, forse non dovevano trovarsi sullo stesso campionato.
Fatto sta che l’arbitro, un ragazzo di 20 anni, si consulta coi due allenatori e decide di finire la partita prima del tempo.
Alla fine l’arbitro verrà sospeso e la partita dovrà essere rigiocata. La federazione degli arbitri dice che il ragazzo sospeso, imparerà e crescerà grazie a questa punizione.
La morale di questa storia è che:
1) Il calcio, fin da giovanissimi, non può essere considerato mai un gioco, è invece un lavoro da affrontare anche quando non ha più senso il confronto.
2) Crescere significa rinunciare al buonsenso e seguire le famose regole.
3) il ragazzo che arbitrava imparerà così a mentire, infatti se non scriveva nel suo referto che aveva interrotto la partita prima del tempo, nessuno gli avrebbe detto niente.

Quando, da piccoli, si giocava sui prati, con due maglioni al posto dei pali, se il confronto era impari si rimescolavano le squadre per ottenere un confronto più equo, non c’erano regole, tutto era autogovernato da bambini, ma eravamo più saggi di questi poveri burocrati del calcio. Ma noi giocavamo per divertirci, mentre ora i ragazzini devono inseguire il sogno di essere miliardari, avere una macchina con la quale possono ignorare le regole della strada, e una moglie di rappresentanza. Mi fa ridere chi dice che si ruba il futuro ai giovani, il futuro non si può rubare e i giovani se lo devono conquistare, la verità è che stiamo rubando il presente ai giovanissimi. Una volta ho sentito una bimba dire “Mia nonna mi ha raccontato una storia dei tempi di quando i bambini potevano uscire da soli” e ho pensato che stiamo creando generazioni di inetti, che in futuro saranno incapaci di prendere una decisione se non su consulto di entità superiori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti