2° puntata: Tangentopoli

di Carlo Pompei

1° puntata

craxiTangentopoli? Che cosa fu veramente?

Il nuovo ordine mondiale stava facendo un nuovo passo.

Serviva smantellare la vecchia classe politica, salvarne una parte (PCI) e modificarla dall’interno (Occhetto?).

Cioè ripulirla del sano berlinguerismo e consegnarla riverginata non più al popolo, legittimo beneficiario, ma alla minoranza radical chic pseudo comunista, tutta Tods, Ferrari e Bialbero ormeggiato a Capalbio, con benedizione dalle Frattocchie.

Così nacquero una serie di sigle per nascondere un’accozzaglia rimpastrugnata di fuoriusciti DC e le giovani volpi comuniste. L’utile idiota venne parcheggiato sotto una Quercia, mentre nel giardino dell’Ulivo si preparava un nuovo inganno.

Ma chi avrebbe personificato Giuda? Si decise per una rotazione, avendo tutti i candidati le caratteristiche richieste. La manovra sarebbe stata troppo sfrontata, però, serviva un controaltare forte, ma non troppo, e al tempo stesso credibile.

Il colpo di Stato, il vero golpe borghese – nel senso di borghesia rossa, non di Junio Valerio – era andato a buon fine, ma ora? La risposta fu Forza Italia, sponsorizzata (non capeggiata) da un imprenditore milanese che con Craxi aveva avuto gioco facile nella Milano da bere del decennio precedente. Egli si fece prendere la mano: un po’ per protagonismo, un po’ per mezzi e disponibilità, un po’ per colpa (merito?) del popolo deluso dalle strane manovre sopradescritte.

Fu così che, quella che doveva essere l’opposizione, fu la Maggioranza per quasi venti anni consecutivi, intervallata da governi di sinistra in momenti topici per lo sviluppo del progetto iniziale, durante i quali si guardarono bene dal disarcionare il Cavaliere, così utile ad addossarsi colpe non sue. Anche perchè lui sapeva che loro sapevano che lui sapeva…

3° puntata

Carlo Pompei

Carlo Pompei

2° puntata: Tangentopoli
Tag:                                                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.