Avete, si fa per dire, i soldi per le vacanze? Non andate….

di Jacopo Cioni

vacanze da evitareSe di soldi ne avete ancora, cioè avete ancora un lavoro e il pagamento delle tasse non vi ha distrutto, potete decidere di andare in vacanza. Belli baldanzosi dovete scegliere la destinazione; rifletteteci bene perchè talvolta si può scegliere destinazioni sbagliate. Le agenzie di viaggio sicuramente avranno prezzi convenientissimi per alcuni tipi di viaggi, ma non fatevi ingannare, alcuni possono essere davvero poco invitanti. Ricordate però che tutto dipende sempre dal punto di vista e quello che per voi sembra brutto ad altri potrebbe piacere.

Dato i recenti attentati del 25 giugno si dovranno necessariamente escludere alcuni paesi tipo:

Tunisia – Qua i cristiani li odiano proprio dato che l’attentato di Sousse è il secondo nei pressi di Tunisi, vi ricordate del museo? Quindi niente Tunisia per i vostri viaggi, ma se proprio volete andarci state nell’interno e non andate sulle spiagge nè ai musei, da evitare anche i luoghi affollati quindi che ci andate a fare?

Egitto – La sicurezza in Egitto è bassa bassa, gli affezionati di Sharm el-Sheikci ci pensino bene se vale la pena ritrovarsi un ombrellone infilato da qualche parte. Un’operazione di ricostruzione dello sfintere potrebbe essere costosa e il risparmio va in fumo!

Emirati arabi –  Anche qua andateci con i piedi di piombo perchè non è da escludere un attacco terroristico. E poi sinceramente con tutti i posti belli che c’è nel mondo… che ci andate a fare? C’è un puzzo di petrolio e di piedi che fa paura!

Kuwait – Anche se non entrerete in una moschea il “clima” non mi sembra proprio vacanziero. Fra sunniti e sciiti non infiliamoci i cristiani, già se le danno fra di loro, ti immagini ad un cristiano!

Marocco – Anche se non rischioso rischioso io eviterei anche questo paese, non sia che vi sbaglino per immigrati in cerca di posti su un barcone e manco vi fanno entrare, come da accordi con la Spagna. Inoltre dopo il 2003 un rischio c’è di capitare in mezzo ad un attentato. Il Marocco ha il grande vantaggio che potete rientrare in Spagna anche a nuoto ma attenti perchè quando arrivate in Spagna rischiate una manganellata o una dose di spray al peperoncino andaluso! Li (sia in Marocco che in Spagna) non li fanno entrare gli immigrati e se vi scambiano per tale…. agisconononboldrinamente!

Dato invece alcune vicende attuali si potrebbe escludere:

India – L’India è molto attenta agli attentati (scusate il gioco di parole) molto meno ai pirati che navigano nelle loro acque, anzi ne incentivano le scorribande, ma comunque, dato i rapporti con l’Italia derivati dalla illecita prigionia di due nostri militari, io la eviterei come la peste bubbonica… che macerino nel curry senza i soldi pseudo-italiani visto che loro a noi non li mandano più annullando le commesse.

Russia – Data la tensione nelle regioni delle repubbliche del Caucaso del nord, della Cecenia, del Daghestan, dell’Inguscezia e nella zona di Stavropol forse è meglio evitarla. Inoltre dato i mezzi militari armati (privi di targa) che da paesi alleati con gli Stati Uniti (Italia compresa) stanno muovendo verso Est… insomma…. pensateci bene. Da considerare anche che se scoppia la guerra sul serio anche se siete restati a casa sempre in quel posto lo prenderete.

Stati Uniti – Per contro partita, (che devono rimetterci solo i russi?) evitate anche gli Stati Uniti che sono la cause di tanto casino in Russia (e non solo). Il premio Nobel per la pace Obamba si guarda bene dal sedare gli scontri ma anzi ci butta sopra benzina a go go. Quindi visto che gli Stati Uniti i dollari possono ancora stamparli evitiamo di portarci i nostri pochi e rognosi euro.

Francia – Qua le ragioni per non andarci in vacanza sono duplici; per prima il fatto che il terrorismo in Francia è unico nel suo genere, mai visto terroristi che si portano dietro la carta d’identità e sparano ai marciapiedi, oppure tagliano teste a gente a caso, resta comunque un paese terrorizzante, sotto ogni punto di vista; ma oltre questo se siete già abbronzati rischiate di essere fermati alla frontiera e rispediti indietro con due legnate… sti emigranti italiani hanno rotto le balle assieme a quelli scuri di natura, gridano i franzosi. E hanno ragione, possono mica sporcare le loro strade come quelle italiane con tutti sti barboni barcaroli con l’iphone! A chi sbarca sarebbe da fare la carta d’identità valida per l’espatrio, tutti cittadini Italiani, e a quel punto come li fermano?

Germania – Bhe, c’è forse una ragione in particolare per evitare la Germania? L’è brutta come posto, in più non hanno perso questo viziaccio di cercare di dominare sugli altri e se non ci riescono con le bombe lo fanno con la cattiveria bancaria, insomma… da evitare come una discarica. Detto fra noi, rischiare di ritrovarsi una culona intrombabile dentro il letto con la faccia del cancelliere…. su, rischiate davvero grosso! Aperta parentesi quadra, ricordatevi che il codice genetico non è acqua, chiusa parentesi quadra.

Libia – Oddio, a meno che non siate un’agenzia di viaggi che vuol far concorrenza agli scafisti che ci andate a fare? Diverso se per lavoro vendete gommoni e barche usate ma tenute bene; basta che reggono il mare per 3-5 miglia poi interviene la marina militare europea.  Potreste unire l’utile al dilettevole e piazzare qualche buon affare.

Iraq – Siria  bhe cosa non si farebbe per un poco di emozione? Se volete una bella vacanza con rapimento è l’occasione giusta, tanto o crepate o paga pantalone. In caso scegliate questa destinazione rivolgetevi con fiducia alla Greta & Vanessa Tour un’agenzia con gli agganci giusti sia per l’andata che per il ritorno, ma soprattutto per la sede di prigionia transitoria e contatti con la Farnesina. Sappiate che il cibo è sopraffino e abbondante, le titolari sono conoscitrici del cibo indigeno, partirete magri e tornerete grassi.

Sudafrica – Giamaica – Sudan – Aree di modesta pericolosità, essere in mezzo ad un attentato o essere rapiti non è certo al 100%, perchè sprecare soldi senza certezze, eviterei. Però se vi piacciono i colpi di Stato improvvisi…

Colombia – Bha, non che sia tutto sto’ gran che come viaggio, però ha il vantaggio che potete rientrare delle spese semplicemente aderendo al circuito “narcotraffico” trasportando una esigua quantità di polvere bianca tornando in Italia. Per chi ha poco da spendere è un’occasione interessante e vi permette di entrare nel giro grosso.

Israele – La Sionismo tour vi presenta il viaggio tutto compreso “5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi” un tour da non perdere; date retta vuoi mettere un cristiano in un paese ebreo in ottimi rapporti con uno islamico? Un viaggio da non lasciarsi scappare.

Pakistan – Libano – Luoghi ameni dove il riposo non esiste, i continui colpi di kalashnikov non vi fanno riposare, lo eviterei a meno che non abbiate da provare, a vostra volta, i fucili mitragliatori acquistati per la rivolta di domani.

Sierra Leone – Viaggio sicuramente da fare anche solo per spedire tutte una serie di lettere a politici e banchieri. Auguri vari con annessa una pronta ebolata favorita dalla presenza della stessa nella busta!! Consigliatissimo!

Malaysia – Un viaggio da evitare, non solo perchè sembra che si divertono a massacrare i turisti come sport nazionale, ma è anche un terno al lotto se scegliete la compagnia aerea di bandiera, sembra che gli aerei scompaiano alla bisogna e senza lasciar tracce.

Cosa rimane? uuuhhhh tanti posti soprattutto in:

Italia – dove ogni regione vale la pena essere visitata, dove ogni città ha il suo fascino storico o culturale; quindi se li volete spendere i vostri ultimi eurini non disdegnerei di farlo a casa nostra!! Attenti però che molti alberghi sono già tutti occupati soprattutto i 4 stelle, rimangono liberi alberghi 3 e 2 stelle ma senza wifi e piscina; quindi o vi annerite il viso e fate gli gnorri beccandovi alloggio e vitto a gratisse o prenotate per tempo informandovi prima se l’albergo partecipa o no al concorso “mafia romana”.

Grecia – Io anche per solidarietà un pensierino ce lo farei, inoltre si potrebbe ipotizzare (sperare) che prima dell’estate (domenica il referendum) dobbiate cambiare gli euro in Dracme, vuoi mettere la soddisfazione di spendere una moneta sovrana!? Alcune precauzioni servono però, portatevi dietro il passaporto e non la carta d’identità, meglio soldi contati sia per il rischio del blocco dell’esportazione di capitali sia per i bancomat che sono prosciugati e chiusi. Togliete dalla macchina ogni bandierina con sfondo blu e stellette gialle o rischiate di ritrovarla sfondata! Se incontrate eurogendfor nell’intento di manganellare i “cattivi greci contro l’euro” consigliateli di tornare a Vicenza che fra non molto serviranno in Italia. Ultimo consiglio, se ci andate cominciate a gridare oxi, oxi, oxi, oxi, oxi, oxi e spiegate alla RAI che oxi in greco vuol dire NO e non vuol dire si come raccontano nei loro servizi da terzo mondo!

Poi vediamo….

mmmmm non mi viene in mente altro…. continuano a venirmi in mente solo Paesi da evitare, come la Turchia dove un amico mi ha raccontato che, preso un taxi dall’aereoporto, il tassista ha cominciato ad insultarlo e a dirgli che avrebbero ucciso tutti gli italiani, uno alla volta, e che se non gridava allah è grande lo avrebbe mollato in autostrada. Ed infatti è tornato a piedi. Insomma se proprio ci volete andare usate il bus e ricordatevi che vige ancora la pena di morte in tal si fatto paese! Mamma li turchi!

Un’altra forma di vacanza può essere la “randellata”, ovvero scegliere una destinazione dove trovare un politico o un banchiere e muniti di randello sfogate i vostri istinti primordiali. Sì, sono vacanze avventura, anche rischiose, ma vuoi mettere la soddisfazione quando lo racconti agli amici? Senza contare che se non ti ferma nessuno magari hai tolto una zecca dal mondo. Ricordate che la vacanza “randellata” è legata al concorso “Il mio randellato stava in più consigli di amministrazione di tutti i vostri e quindi ho vinto”, un concorso che ha come premio il blocco della pensione a scelta di un italiano…. sapete già chi scegliere in caso di vittoria?

Quindi belli i miei italiani, quelli che ancora hanno due euri da spendere e possono farsi una vacanza sono avvisati, attenti ai terroristi, ai paesi in conflitto, a quelli che il conflitto lo generano sempre negli altri paesi e infine attenti ai tassisti fanatici turchi, ma soprattutto non scordate il randello!

Jacopo Cioni

Jacopo

Avete, si fa per dire, i soldi per le vacanze? Non andate….
Tag:                     

Un pensiero su “Avete, si fa per dire, i soldi per le vacanze? Non andate….

  • 4 Luglio 2015 alle 12:10
    Permalink

    Super come sempre , il nostro Jak , dovrebbe trovare più tempo per scrivere, si fa leggere scorrevole come scende giù liscio e gradito un buon bicchiere di chianti!

    Rispondi

Rispondi a mariano abis Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.