Cambiare shampoo?

di Jacopo Cioni

Sovente scambio due chiacchere con gli amici del web e non solo del web, risvegliati, persone che vedono, sentono e hanno capito che cosa ci aspetta domani. Inevitabilmente tutte queste persone lamentano la cecità della maggioranza degli italiani, dei dormienti.

Interloquire con persone che mediamente leggono dal Giornale a Repubblica o vedono il TG1 o canale 5 ci fa rendere conto di quanto poco sono aggiornati e quante verità mancano all’appello. Ci rendiamo conto che sono talmente condizionati da non provare nemmeno a schiodarsi dalla posizione acquisita.

Mi spiace dirlo, ma la maggior parte dei nostri conterranei sono teste di cazzo! Fatte e finite, irrimediabilmente glandificate nelle posizioni acquisite, senza più nemmeno un seno cavernoso da riempire di nuovo sangue, in una erezione perenne verso gli obiettivi che i media vogliano che siano dibattuti. Talmente confusi da preferire non usarla più la verga che hanno al posto della testa rinunciando ad opporsi, a votare, a manifestare, ad aggregarsi.

Speriamo almeno si lavino i capelli, per quello la società provvede alle loro esigenze.

capelli

 

🙂 A parte le facili battute credo sia un problema di linguaggio, di comunicazione, anni di uso di parole simbolo che si sono impresse a fuoco sul prepuzio mentale non ti permettono di usare parole diverse, subentra lo smarrimento, cala una guaina di lattice che impedisce ogni passaggio. Dobbiamo impegnarci ad usare lo stesso linguaggio, le stesse parole in maniera da essere riconosciuti come self e solo dopo, dopo il riconoscimento positivo, introdurne di nuove. In questa maniera forse possiamo creare uno spiraglio, una minima apertura dove, anche in momenti successivi, possiamo immettere nuove informazioni.

E’ durato anni l’indottrinamento, anni e anni di subliminali gocce e costanti induzioni, come possiamo pretendere di riportarli indietro con 10 minuti di conversazione?

Sarebbe bello un bel reset, cancellare la ram con un singolo dito di violenza su un pulsante, ma non è così. Anche una violenta sommossa vedrebbe queste teste di cazzo schierarsi con le marce istituzioni che conservano questo ruolo solo nel nome.

Ci sono persone che hanno una maggiore capacità di persuasione, esistono delle tecniche, noi risvegliati dovremmo imparare queste tecniche, farcele spiegare da chi le conosce e sa come applicarle in maniera da rendere più infiltrante il dubbio e il desiderio di approfondire.

Invito chiunque è in grado di spiegarci i metodi comunicativi più efficienti a proporsi, io posso dargli spazio sul ilsovranista.it e sui miei gruppi, possiamo insieme creare un gruppo di crescita comunicativa, sono convinto che gli allievi non mancheranno, ci servono i professori.

Quindi miei cari risvegliati è inutile lamentarci, questo è quanto ci si presenta e abbiamo solo due possibilità, rientrare nella norma nascondendo il nostro risveglio o “provarci” ancora e poi ancora e di nuovo ancora, sapendo benissimo che non saremo noi a cambiare la storia, ma il tempo, come al solito. Conserveremo il gusto di poter dire: “visto ve l’avevo detto!!” e magari la soddisfazione di aver portato qualcuno alla luce.

Jacopo Cioni

Jacopo

Cambiare shampoo?

11 pensieri su “Cambiare shampoo?

  • 10 Ottobre 2013 alle 19:08
    Permalink

    Scambio anchi’io sovente qualche chiacchera con gli Amici del Web e non Solo, ma mi trovo sempre davanti a lamentele inerenti al proprio stato di Singolo senza pensare alla Collettività ed anche purtroppo alla Disinformazione che ci viene Comunicata dai Media e dalla TV e sempre Condizionati da Idealismi ormai Superati.
    Mi sono purtroppo fatto un’Idea dell’Inutilità di voler fa ed avere r Comprendere ed avere un Contradittorio con i miei Interlocutori perchè, giustamente, potrei anche io essere Influenzato dalla Disinformazione; ciò che non Credo….ma mi è difficile usare lo stesso Linguaggio per Creare, giustamente, uno Spiraglio di Credibilità, ma ptroprio non ci riesco e mi sembra Demenziale solo pensarci………….ci sarannosenz’altro Persone con una maggiore Capacità di Persuasione, ma non ritengo che esistano Tecniche per far Capire qualsiasi Approfondimento; Forse si può solo sviscerare qualche Dubbio, e partendo da qiesti arrivare a Capire cosa sia Veramente necessario al Nostro al nostro Bene Comune nel Nostro Paese………………

    Rispondi
    • 10 Ottobre 2013 alle 20:36
      Permalink

      Tralasciando il demenziale, che non credo mi si addica, posso assicurarti che esistono tecniche di linguaggio per ottenere uno scopo ben preciso. Ci sono persone che sanno usare questo linguaggio e potrebbero aiutarci in quello che ritengo un dovere verso gli altri, cioè fare informazione, senza arrendersi nella difficoltà. Per usare lo stesso linguaggio intendo non contrapporsi al ragionamento anche sbagliato dell’interlocutore, ma assecondarlo infiltrando dati e informazioni nella conversazione tali da quanto meno lasciare un residuo mnemonico che può poi essere stimolato in occasione successiva. Quindi non partire con un attacco, tu hai torto, ma con un sistema che possa raggiungere il tuo scopo, cioè rendere edotto chi non desidera esserlo.

      Rispondi
  • 10 Ottobre 2013 alle 22:21
    Permalink

    Jacopo,Demenziale non è rivolto a Te ma a me stesso perchè non ci credo, probabilmente ho interloquito con Persone Ignoranti e nella media credo che in Italia la maggior parte lo è, Ignorante nel Buon Senso della parola cioè che ignora e si fa Condizionare da tutto ciò che l’attuale Informazione gli propina, anche assecondandolo infriltrandogli dati e informazioni nella conversazione come Tu dici lo ho provato, ma non ho trovato una pur minima accondiscendenza coi miei Interlocutori e questo ti smonta, specialmente con Persone a cui davi un quoziente di Intelligenza Superiore………rendimi eventualmente dotto se hai un sistema di far Comprendere meglio ciò che esponi alle persone, a meno che non siamo Noi che sbagliamo tutto.

    Rispondi
    • 10 Ottobre 2013 alle 23:02
      Permalink

      Ho lanciato appunto quel messaggio, se qualcuno è in grado di aiutarci nelle tecniche di comunicazione, perchè io trovo molti problemi nell’interagire con chi gira con Repubblica sotto il braccio, fiero e orgoglioso di leggere Repubblica, o con chi ti dice “ma l’ha detto la televisione”, come se la televisione fosse la fonte della verità in terra!! Proprio perchè vorrei essere capace di comunicare con più efficacia sarei disposto ad ascoltare chi ne sa più di me. In fondo un venditore segue corsi per rendere la sua comunicazione adatta a convincere le persone a comprare, è lo stesso principio.

      Rispondi
      • 11 Ottobre 2013 alle 01:53
        Permalink

        Senz’altro c’è chi ne sa più di noi ma non credo ci possa aiutare con nuove tecniche di Comunicazione…………..
        l’esempio del venditore è esatto, ma c’è Corso e Corso per apprendere il tipo di Comunicazione……..io faccio parte di un Network Marketing con un Business di alto Rendimento prima di questo ne ho seguiti altri e i Corsi e Conferenze a cui partecipi ti insegnano a sfiancare i tuoi contatti e moltiplicarli seguendo il Sistema del Passa Parola,dimenticandosi però di insegnarti che con il Passa Parola basterebbero solo due Contatti, ma Buoni e convincerli che con lo stesso Metodo che il tuo Prodotto ha un avvenire se si Continua ad applicarlo con Convinzione senza mai Smettere per non fermare la Catena ed ecco che poi parlano i numeri: io convinco 2 persone, ogniuna di queste persone ne convincono altre due e così di seguito 2-4-8-16-32-64- all’infinito……nel Network con persone decise il Business è Assicurato. Bisognerebbe portare lo stesso Metodo di convincimento portando le Persone a Capire i Concetti e le Realtà del quotidiano, rivalutando i Veri Valori per Migliorare le Nostre Condizioni e automaticamente quelle del Paese.

        Rispondi
  • 11 Ottobre 2013 alle 16:02
    Permalink

    Jcopo, il Metodo lo considero Ottimale, come possiamo fare per metterlo in Pratica?………bisognerebbe Messaggiare le Persone con una dialettica comprensibile a Tutti e far capire quanto nel Tempo siano stati Condizionati da Ideali Umanamente incomptensibili, ma dei quali il Popolo sia rimasto per anni Soggiogato da Infidi Politicanti che pensavano solamente a Crearsi una loro Immagine speculando sulla Fiducia dei Cittadini che per Anni gli hanno dato il loro Consenso.
    Ritengo che il mezzo migliore per far comprendere tutto ciò ad una grande Massa di Persone siano i Social Network, bisogna solo studiare come attuarlo con significativi e Comprensivi Articoli che diano alle Persone il Desiderio di interloquire ed avere un Contraddittorio per capire meglio Insieme cosa sia meglio per il Nostro Paese……….

    Rispondi
    • 12 Ottobre 2013 alle 14:58
      Permalink

      Questo è già in atto, ma dobbiamo uscire da internet, internet è un mondo ristretto ancora, è la gente per strada che deve essere informata!

      Rispondi
  • 12 Ottobre 2013 alle 16:09
    Permalink

    Se come sostieni è già in Atto un Movimento con queste Intenzioni, ne Vorrei essere partecipe, ritengo però che Internet non sia un Mondo ristretto anzi,usandolo nella giusta Dimensione di Informazione, si può arrivare ad una grande moltitudine di Cittadini in tutta Italia come se fossero della nostra stessa Città o Nostri dirimpettai e, sopratutto in Tempo Reale, tenendo presente che prima o poi anche il Mondo di Internet sarà Monopolizzato dai Media e dalle grandi Potenze Economiche (Bildenberg)…………..

    Rispondi
    • 13 Ottobre 2013 alle 01:36
      Permalink

      Ne sei partecipe facendo quello che fai, informando, come faccio io, come fanno molti gruppi. Chi sulla frequenza 432, chi sugli illuminati, chi sulla geoingegneria, chi sul NWO, chi sulla massoneria, chi sui gruppi di potere. Alla fine siamo tutti legati dal desiderio di verità, libertà, giustizia, democrazia, sovranità dell’uomo. Il problema, a parte i corrotti e quelli che non vogliono andare oltre le tende del proprio cervello, sono quelli che non possiamo raggiungere, chi usa internet solo ludicamente, chi non la usa.

      Rispondi
  • 18 Dicembre 2013 alle 22:13
    Permalink

    mi introduco nella discussione, esponendo il mio pensiero, che, purtroppo, non è ottimistico. decenni di disinformzione giornalistica ci hanno portato ad avere dei dogmi impossibili da estirpare in pochi lustri, e se lcune categorie di persone di ascoltre le nostre ragioni, la stragrande maggioranza è talmente cicondizionata, che basta guardarli in faccia, per capire che ci considerano come marziani in terra. e i condizionamenti che più hanno avuto successo sono quelli che derivano da teorie che inizialmente erano favorevoli alla gente, più di una volta mi è capitato, per esempio, di stimolare quelle persone, a intavolare una discussione partendo da assiomi che loro reputano inamovibili, e quale argomento è più utile, se non quello di screditare i loro simboli, prove alla mano? uno di questi simboli, che mi piace attaccare, perchè considerato inattaccabile, è sandro pertini. quando riesco a far cambiare idea su di lui, ritengo di aver messo un importante tassello contro le loro certezze, a mò di esempio, e se questi miei atteggianenti sono validi per il buon sandro, penso che in cuor loro qualche certezza in altri campi possa venir meno. ma un simile atteggiamento può funzionare con persone aperte di spirito, non certo con tutti, e infatti al riguardo gli amici che ho deviato dalle antiche certezze, sono la totalità di quelle con cui mi sono confrontato, ben sapendo che la stragrande maggioranza non acetterebbe misurarsi su temi che loro ritengono ovvi e acquisiti. e allora , se ritengo inutile insistere con simili persone, penso che l’unica strada da percorrere sia a titolo letterario, costruire e confezionare alla perfezione un lavoro ssggistico snello, ma comprensibile, magari scritto da più mani e da più cervelli, da diffondere in maniera sistematica, qusi da imporlo, alla maniera dei nostri nemici disinformatori, usando le loro stesse tecniche: prezzo basso, e campagna mediatica spietata,

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.