Chi accarezza i delinquenti? Il governo e i magistrati

di Augusto Grandi

girano

magistratiLo Stato – affermano i magistrati – prende a schiaffi chi prova a fare giustizia ed accarezza i corrotti. Ed il burattino si offende, anzi si arrabbia proprio. Non è che abbia tutti i torto, questa volta. Non sul fatto che lo Stato, a cominciare da questo governo, accarezzi i corrotti. Ma non son certo i magistrati italiani che possono indignarsi per questo. Il maresciallo dei carabinieri in pensione, morto per infarto mentre inseguiva un

rapinatore, era alle prese con un pregiudicato che, come sempre, era in libertà. Come sono sempre in libertà i responsabili di scippi, di violenze, di furti negli appartamenti. Carabinieri e poliziotti li arrestano, i magistrati li rimettono subito in libertà. Non sono carezze ai delinquenti, queste? Loro si giustificano sostenendo che sono le leggi ad aprire le porte delle celle. Ma è falso. E’ la loro interpretazione delle leggi a liberare i delinquenti, ad accarezzarli. L’accattonaggio con i bambini e’ vietato dalle leggi, che prevedono anche il reato di riduzione in schiavitù. Ma ci sono magistrati che non applicano la legge, sostenendo che per alcune etnie non vale perché rientra nelle loro tradizioni. La legge lo prevede? No, ma questi magistrati se ne fregano. E che dire dei delinquenti arrestati per il medesimo reato tre volte in due giorni e rimessi in libertà perché, evidentemente, per il magistrato non c’è il rischio di reiterazione del reato? E quelli posti agli arresti domiciliari anche se non hanno un domicilio? Chi, se non i magistrati, interpreta le leggi sempre a favore di alcune categorie di delinquenti? Ovviamente devono essere delinquenti politicamente corretti, quelli che piacciono anche ai vertici di questo Stato. Clandestini spacciati per rifugiati o per aspiranti rifugiati, come l’assassino che ha ammazzato un ragazzo a Terni. Per loro le leggi vanno interpretate in modo carezzevole, per gli altri in modo rigoroso. Magistrati e burattino, se le cantano e se le suonano.

Augusto Grandi

augusto grandi

Chi accarezza i delinquenti? Il governo e i magistrati

2 pensieri su “Chi accarezza i delinquenti? Il governo e i magistrati

  • 22 Marzo 2015 alle 14:09
    Permalink

    Concordo con l’articolo .
    Che la Magistratura faccia il suo mea culpa e inizi a fare il suo dovere fino in fondo senza mettersi al di sopra della società come del resto ha sempre fatto nella storia della civiltà sentendosi al di sopra dei cittadini, mostrando troppo spesso mancanza di umiltà e nei fatti designandosi come un’altra casta.

    Rispondi
    • 22 Marzo 2015 alle 15:02
      Permalink

      Quando un potere non è controllato dal cittadino devia sempre dalla sua strada. Jak

      Rispondi

Rispondi a ilsovranista Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.