Cosa rimane del 25 Aprile. Ricordi sfumati nel tempo

di Antonella Policastrese

liberazioneE poi arrivò il giorno della liberazione. Dopo aver combattuto eravamo fuori dall’incubo nazifascista, da quella Germania, che dopo l’armistizio firmato da Badoglio, cominciò a darci addosso, a compiere stragi man mano che il suo esercito si ritirava, e che ci considerava traditori. Il tributo di vite umane era stato così alto, che nei boschi, nelle campagne la terra emanava un acre odore di sangue. La resistenza partigiana aveva portato sui monti, donne ed uomini che avevano lottato strenuamente per la libertà, per la repubblica, per la democrazia.Come dimenticare quella figura di lavandaia che ispirò il libro della Viganò: “l’Agnese va a morire”, staffetta dei partigiani,riconosciuta da un tedesca e fatta fuori come un cane. Credere in un’idea di un mondo più giusto, restituire diritti ,impegnarsi mettendoci la faccia, perchè quella sporca guerra finisse e desiderare di vivere in pace. A distanza di settant’anni ci ritroviamo di nuovo sotto il giogo di una Germania che impone ordini, parla di austerità e oggi come ieri, siamo sotto scacco di una politica imposta ad un popolo sottomesso. Cosa ne è stato di quei giorni, di tanto orrore, di una Costituzione nata sul sangue di numerosi morti, se oggi quella stessa Costituzione viene riconosciuta obsoleta, da cambiare e si parla di un futuro così nebuloso, da sembrare che ripercorra lo stesso sentiero accidentato, pur essendo divenuto strada asfaltata? Può morire in nome di un progresso, la Storia di una nazione, possono perdersi nel nulla le lotte di tanti, che hanno tenuto duro sino alla fine, se i fantasmi del passato ritornano, e sono lì davanti a noi per c tormentarci? Anche per chi come me, cresciuta tra i ricordi, di chi quella guerra l’aveva vissuta e se la portava dietro, impressa sulla pelle a marchio di fuoco, mi chiedo cosa direbbe mia madre, o mio nonno, difronte alla situazione odierna.. Mia madre, bambina a quel tempo, si soffermava su quanto succedeva nei boschi intorno a Schio, dove da sfollata viveva. Razzie di tedeschi, che cercavano i partigiani e quando li ammazzavano, li esponevano sulla pubblica piazza perchè fosse un monito a collaborare ed a tenersi lontani da quella gente. Cosa direbbero quando cercavano riparo nei rifugi, ad ogni bombardamento aereo che i piccoli conoscevano come Pippo e ne avevano paura? E mio nonno? Da comunista sfegatato non aveva mai voluto prendere la tessera del PNF . All’epoca serviva per lavorare e mio nonno di figli ne aveva ben cinque da mantenere. Preferì andare altrove, piuttosto che rimanere in Paese e sottomettersi ai fascisti. Oggi che la tenuta della democrazia è in pericolo, che le disuguaglianze sono cresciute, afferro il senso di quei racconti che all’epoca non capivo, che erano lontano anni luce da me, che nella spensieratezza dell’adolescenza facevo fatica a seguire. Il tempo fa la sua parte, ma la Storia per quanto vuoi negarla è lì ti sta davanti. I fatti che hanno interessato la vita delle persone, segnandone l’esistenza non è possibile ignorarli. Ci fai i conti ,la coscienza viene interpellata e vedere svilita la Costituzione, negata la democrazia, sentirsi non più liberi non è un rospo che puoi ingoiare. Per tutte le Agnesi, per ogni padre e madre, nonni che si sono battuti, queste righe della Viganò tratte dal libro” l’Agnese va a morire” rendono testimonianza di ciò che è stato anche per donne rimaste oscuri personaggi, non citati ma che non sono andate per il sottile, e nell’anonimato hanno perso la vita.

Adesso, invece, sapeva molto di più. Capiva quelle che allora chiamava “cose da uomini”, il partito, l’amore per il partito, e che ci si potesse anche fare ammazzare per sostenere un’idea bella, nascosta, una forza istintiva, per risolvere tutti gli oscuri perchè, che cominciano nei bambini e finiscono nei vecchi quando muoiono.
-Perchè non posso avere una bambola?
-perchè le ragazze dei signori vanno a ballare con un vestito nuovo e io non posso andarci a causa del vestito vecchio? – perchè il mio bambino porta le scarpe solo la domenica?
– perchè mio figlio va a morire in Africa e quello del podestà resta a casa?
– perchè non potrò avere un funerale lungo, con i fiori e le candele?
– Lei adesso lo sapeva, lo capiva. i ricchi vogliono essere sempre più ricchi e fare i poveri sempre più poveri, e ignoranti, e umiliati. I ricchi guadagnano nella guerra, e i poveri ci lasciano la pelle.

Antonella Policastrese

Antonella Policastrese

Cosa rimane del 25 Aprile. Ricordi sfumati nel tempo
Tag:     

4 pensieri su “Cosa rimane del 25 Aprile. Ricordi sfumati nel tempo

  • 28 Aprile 2015 alle 12:40
    Permalink

    sa gentile signora cosa rimane ? la gran rottura di balle che da bambini ci sorbivamo a scuola . a parte i comunisti sfegatati tutti noi sapevamo che era una balla creata per far piacere a loro . nel 1956 o 57 ricordo che c’ è stata la primavera di praga , e ricordo che , a novara dove oggi c’è la polizia , c’era la sede del partito comunista . bene ricordo che noi studenti delle superiori siamo andati a protestare proprio davanti alla sede del pci , e c’erano gli esaltati del partito che ridevano e ballavano . è proprio un vizio degli esseri idioti , ignoranti , ballare davanti ai morti . ricorda i carri armati di mosca ?

    Rispondi
  • 28 Aprile 2015 alle 15:01
    Permalink

    Il mio 25 aprile è il ricordo degli occhi azzurri di mio padre, messo in un carro bestiame nel ’44 e portato in un campo in Polonia.
    Tornato con 40 Kg di pelle e ossa mi ha raccontò qualcosa…ma poco.
    Forse per non turbare troppo il mio cuore di adolescente.
    Forse perché sperava che la mia giovinezza fosse meglio della sua.
    Gli ho voluto un gran bene, perché è l’ unica persona al mondo che mi abbia amato veramente con tutta l’ anima.

    Rispondi
    • 28 Aprile 2015 alle 21:06
      Permalink

      …. pensa Marco, quel sacrificio oggi è stato reso vano… che tristezza! Jak

      Rispondi
  • 29 Aprile 2015 alle 19:13
    Permalink

    ricordiamoci che non è nel nome di un colore, di un partito che bisogna lottare ma in nome di una libertà e democrazia che nessun partito può permettersi di negare al popolo perchè è il popolo che l’ha conquistata col suo sangue e col suo sacrificio;dobbiamo saper distinguere i dittatori, di qualunque colore essi siano e di qualunque partito o nazionalità e dobbiamo combatterli tutti uniti,per evitare che possano intaccare anche minimamente questi valori che devono essere per noi tesori da salvaguardare gelosamente da proteggere con la nostra stessa vita e ciò per il futuro dei nostri figlie delle generazioni a venire.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.