Dove va la mente quando ti radi la barba e fuori piove?

Riflessioni” allo specchio
carlogambesciametapolitics.blogspot.it
 di Carlo Pompei
barbaSpesso si sentono svarioni lessicali – sull’autobus, in edicola – frasi del tipo “c’ha ‘na malattia cronaca” o “me dai la cronica de Roma?”.
Seguiteci.
Sebbene scambiate di significato, le due espressioni provengono da una medesima radice: il KRONOS (o Chronos) greco, cioè il tempo che “scorre” impercettibile, talvolta lento, talvolta veloce, ma sempre inesorabile sul destino di cose e persone.
Nella mitologia greca egli era l’ultimo dei Titani, figlio incestuoso e un poco iroso del Cielo e della Terra (Urano e Gaia o Gea) e padre di Zeus (Giove Pluvio), almeno così afferma Esiodo nella sua Teogonia.
Ma non divaghiamo troppo.
Cronologia, cronicità, cronometro, cronografo, cronistoria, cronaca, anacronía, sincronía, discronía, etc.: sono tutte parole che esprimono un concetto o descrivono un oggetto relativo al tempo e a ciò che avviene nel “panta rei” di Eraclito e del suo divenire.
Il “sempre”, il “mentre” e il “mai” che si rincorrono in un affascinante balletto imprevedibile, come diceva un “prof” di filosofia postmoderno.
Andiamo avanti.
I responsabili di una famosa agenzia stampa lo hanno adottato come suffisso nel nome, proprio ad indicare l’interazione tra tempo ed eventi passati (cronache) descritti nel presente. O nel futuro: non possiamo sapere quando un ritaglio di giornale conservato sarà letto.
Talvolta accade che il tempo indossi la toga del giudice assolutore, talvolta il cappuccio del boia esecutore, talvolta sembra spettatore ininfluente della nostra vita, ma se ci fermiamo un attimo lo sentiamo subito superarci e il suo vento ci gela la schiena.
Ci siete ancora? Bene.
Non c’è tempo! Presto! Urla il dottore al pronto soccorso ansioso di salvare una vita.
Dai tempo al tempo! Consiglia al giovane il saggio anziano consapevole del poco tempo rimastogli da vivere, ma ignaro (o gaudente?) del fatto che non tutti potranno raggiungere la sua età.
Veniamo ai giorni nostri.
Tra obsolescenze programmate e diritto d’oblio negato o concesso anzitempo, viviamo tempi lentissimi e velocissimi.
Nella situazione politica italiana attuale, ad esempio, il tempo “stringe” e gioca a favore di chi può permettersi di aspettare.
Sentiamo appelli alla calma da persone con lo stipendio assicurato e con i piedi al caldo, ma non si vede traccia di “dottori” o di “saggi”. Altri invece, sempre con i piedi al caldo, aizzano    giovani e  meno giovani  a  tornar a riveder  “le cinque stelle”… E anche qui non si vede traccia di “rivoluzionari”, né di “partigiani”,  né di “squadristi”.
E, come venerdì scorso, “mentre” l’acqua saliva, si salvavano e si salveranno soltanto quelli  che non abitano al “pianterreno”.  Se non crolla tutto, però…
Carlo Pompei
Carlo Pompei
Dove va la mente quando ti radi la barba e fuori piove?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.