E’ ufficiale: i soldi vengono creati dal nulla….. prestandoli

di Arnaldo Spicacci Minervini

creare denaroE’ stato pubblicato il seguente bollettino dalla Banca Centrale di Inghilterra. Questo recita testualmente:
Nell’economia moderna, i soldi hanno la forma di depositi bancari. Ma come vengono creati i depositi bancari è spesso frainteso: il metodo principale è attraverso la erogazione di prestiti da parte di banche commerciali. Ogni volta che una banca concede un prestito, contemporaneamente, crea un deposito corrispondente nelconto corrente del mutuatario, creando così nuova moneta.
 

 

La realtà di come il denaro viene creato oggi è diverso dalla descrizione trovata in alcuni libri di testo di economia:• Le banche, piuttosto che prestare i soldi depositati dalle famiglie, creano esse stesse il danaro attraverso il prestito.
Anche se le banche commerciali creano denaro attraverso il prestito, non possono farlo liberamente senza limiti (occorre infatti un volontario mutuatario).”
Da queste parole appare chiaro come, essendo il danaro creato dal nulla attraverso il prestito, siamo di fronte ad una appropriazione di ricchezza fraudolenta da parte del Sistema Bancario. Appropriazione per la quale vengono chiesti sacrifici e sofferenze alle persone.
Ma come già spiegato: link, la Sovranità già ci appartiene, solo che di fatto non la esercitiamo perché siamo stati addomesticati da questo moderno modello sociale con obbiettivi ed ideali impostici dall’esterno.
In questa situazione di “normalità” apparente, c’è un rischio enorme che la Realtà possa irrompere nella ipnosi quotidiana. Quando accadrà sarà un giorno bello e brutto al tempo stesso. Bello perché sarà la fine di un Sistema di controllo parassitario, brutto perché pochissimi saranno preparati per la sua fine.
Auguri a tutti noi,
Arnaldo Spicacci Minervini
 
Arnaldo Spicacci Minervini

 

 

 

E’ ufficiale: i soldi vengono creati dal nulla….. prestandoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.