Se anche il sangue avesse un colore diverso, se anche il cuore battesse ad un ritmo diverso, se anche la pelle avesse una traspirazione diversa una cosa renderebbe comunque uguale, il dolore.

Il dolore interno, quello che è dato dall’impotenza, dalle domande, dalla paura, quello è uguale per tutti.

Qualcuno non da valore a quel dolore, qualcuno lo ritiene accessorio, ininfluente.

Qualcuno è acerbo, arido o troppo stupido per credere che il dolore è universale e che ritorna prima o poi.

Jacopo Cioni

Jacopo

Il dolore…. uno sguardo prima della censura
Tag:                                         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.