La “casa di vetro” del governo Renzi

di  C. Alessandro Mauceri

dazebaonews

renzi2ROMA – Filippo Turati soleva descrivere la “trasparenza” dell’azione amministrativa come una “casa di vetro”, all’interno della quale tutto è sempre e costantemente visibile. Una visibilità che dovrebbe consentire un controllo capillare dell’attività amministrativa dal basso e garantire il massimo grado di correttezza e di imparzialità. Dopo oltre vent’anni dall’entrata in vigore della legge n. 241 del 7 agosto 1990, i “vetri” di questa casa sembrano essere alquanto scuri.

Con il termine “trasparenza” si intende il diritto dei cittadini di conoscere cosa sta facendo lo Stato e come la pubblica amministrazione sta spendendo i loro soldi. Sembrava che al premier Matteo Renzi piacesse molto la parola “trasparenza”. Fu lui a dire, nel discorso tenuto il 24 febbraio 2014 al Senato dopo l’incarico ricevuto da Napolitano: “Dobbiamo avere il coraggio di far emergere in modo netto, chiaro ed evidente che ogni centesimo speso dalla P.A. debba essere visibile online da parte di tutti”. Trasparenza su tutti i fronti. Anche agli enti locali Renzi ordinò: “Tutte le spese degli enti locali e anche di quelli centrali online entro 60 giorni”. Più di recente, parlando degli appalti all’EXPO 2015, Renzi ha ribadito: “Trasparenza, mettere on line tutti gli appalti”.

È per questo che due cittadini, i deputati Riccardo Nuti e Carla Ruocco, nei giorni scorsi hanno chiesto al ministro per le Riforme e per i Rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, chiarimenti sul modo in cui vengono spesi i soldi dei cittadini per la gestione di Palazzo Chigi. Una domanda semplice e, secondo molti, legittima. Peccato che la risposta della Boschi all’interpellanza dei due parlamentari non sia stata proprio “trasparente”: prima si è trincerata dietro la secretazione delle gare relative a tutti i lavori che riguardano Palazzo Chigi. Poi, riflettendo, ha detto anche: “Valuteremo la possibilità di rendere noti gli atti sugli appalti (pregressi, ndr) affidati dalla Presidenza del Consiglio che sono secretati per legge”. Infine, dato che la vicenda era stata oggetto di un servizio durante la trasmissione ‘Le Iene’, ha aggiunto: “Abbiamo proceduto a porre denuncia in Procura” ed  è stato attivato un audit interno. “Questo governo non ha affidato appalti, se non con la procedura Consip e nella massima trasparenza”, ha detto anche il ministro Boschi alla Camera.

Ma come possibile che uno Stato che, da anni ormai, impone ai cittadini di non avere segreti (si pensi alle misure sull’accesso ai dati bancari – non a caso messe in discussione proprio dal Garante della Privacy, agli accordi sottoscritti con gli USA che prevedono l’accesso oltremare ai dati delle imprese italiane, anche senza ordine della magistratura, e a molti altri) possa consentire che si nasconda proprio il modo in cui sono utilizzati soldi pubblici per le spese del governo?

La verità è che, nel 2006, durante il governo Berlusconi, un codicillo inserito nel d.lgs. 163/2006, ha ampliato l’ambito della “secretazione” della normativa sugli appalti pubblici e ha rimesso le autorizzazioni ai dirigenti ministeriali. In questo modo, è stato possibile gestire centinaia di milioni di lavori al di fuori delle “normali” regole per gli appalti pubblici. Per anni decine e decine di spese sono state “secretate”. Ogni ministero se ne serve. A cominciare dalla Presidenza del Consiglio per la quale, nel 2012, la stessa Corte dei Conti ha detto “la denominazione stessa degli appalti è inconoscibile”.

La possibilità di non rendere pubblici i dati relativi a questi contratti dovrebbe essere limitata e controllata dall’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Lo scorso anno, però, proprio per dar prova della “trasparenza” del suo modo di gestire l’Italia, Renzi, il “nuovo che avanza”, ha accorpato questo ente all’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC).

Ebbene chi oggi volesse conoscere qualcosa sulla “trasparenza” del governo Renzi, proprio sul sito dell’ANAC troverà una pagina denominata “Amministrazione Trasparente”. Peccato che su questa pagina (www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AmministrazioneTrasparente) si legge solo: “I contenuti della sezione Amministrazione trasparente sono in corso di riorganizzazione, tenuto conto del riordino dell’ANAC ai sensi dell’art. 19 c.1, del d.l.n.90/2014, convertito in legge con modificazioni, dall’art. 1, c.1, della legge n. 114/2014”.

C. Alessandro Mauceri

CAlessandro Mauceri

La “casa di vetro” del governo Renzi
Tag:                     

2 pensieri su “La “casa di vetro” del governo Renzi

  • 21 Aprile 2015 alle 17:30
    Permalink

    ma quale trasparenza ,questo sporco dittatore della peggior specie continua a far legiferare a favore dei suoi amici banchieri ,distruggendo in pochissimo tempo i risultati del sacrificio dei nostri antenati sull’altare della libertà e della democrazia , che il nostro buon renzi sta disintegrando neanche tanto lentamente ed in modo non certo trasparente; non ultima l’esclusione dei dissidenti del P.D. dalla consulta sull’approvazione dell’italicum.VERGOGNA!!!!!!

    Rispondi

Rispondi a marcello Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.