La rubrica Balasso 031

Natalino Balasso mi ha autorizzato a gestire una pagina utilizzando le pubblicazioni della sua pagina facebook.

“Ego te autorizzo a far quel cazzo che vuoi coi miei scripti, cum publicatione sul tuo sito, basta che scrivi che son miei” Firmato Balasso

natalino balasso

Sull’educazione dei bambini ho scritto più volte che le parole non servono a niente se non sappiamo essere esempio di quel che andiamo dicendo.
C’è un passaggio, tra i meno riportati, dell’importante Manuale di Epitteto (testo che chiunque dovrebbe leggere) che parla delle “proposizioni morali pratiche”.
Epitteto accusa molti filosofi di saper ben insegnare ma di non mettere mai in pratica ciò che insegnano.
Ecco il passaggio che ne spiega il meccanismo, traduco con personale sintesi:

“Prendiamo, solo a titolo di esempio, un’asserzione filosofico-morale, noi diciamo:
– non si deve mentire.
Questo è il primo gradino.
I filosofi aggiungono un secondo gradino:
– Le dimostrazioni che provano perché non si deve mentire.
Poi ne aggiungono un terzo:
– Tesi e confutazioni per la cernita delle dimostrazioni che provano perché non si deve mentire.
È evidente che non si può arrivare al terzo gradino senza passare dal primo. In filosofia non si salta. E il primo gradino, per giunta, è il più necessario di tutti. È la realtà. Invece tendiamo a fare il contrario: ce ne stiamo tranquillamente sul terzo scalino e in quello poniamo tutta la nostra ricerca e i nostri studi e del primo non ce ne può fregar di meno.
E così succede che tutti i giorni mentiamo spudoratamente, ma sappiamo dimostrare alla perfezione il perché non si debba mentire”.

La rubrica Balasso 031

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.