L’Iran vola e ignora le sanzioni, Mosca non ancora

di Augusto Grandi

Girano

S00008401_sm

“Sanzionami questo”, cantava Pippo Franco ironizzando sulle sanzioni anti italiane del periodo pre bellico. Sono trascorsi decenni, poco meno di un secolo, e la risposta delle sedicenti democrazie e’ sempre la stessa: sanzioni economiche contro chi non si allinea. L’oro contro il sangue? Macché!

La stupidità che può solo puntare su una identica stupidità dei sanzionati. Così, tanto per ricordare, la sola Italia sanzionatrice ha perso qualcosa come 20 miliardi di euro di commesse, negli ultimi due anni, per  le misure contro l’Iran. Beh, certo, un sacrificio per gli italiani, ma abbiamo sicuramente messo in ginocchio l’economia persiana, obbligando il governo di Teheran a diventare democratico. O forse no. Perché mentre l’Italia perdeva commesse e posti di lavoro, il Pil dell’Iran cresceva di oltre il 4% nel solo ultimo anno. Quando il Pil italiano e’ nuovamente calato. Le sanzioni servivano in un passato fatto di mondi chiusi, di traffici limitati. Ora quello che Teheran non può acquistare dall’Italia, lo compra da altri Paesi. Oddio, dovranno rinunciare alle mozzarelle di bufala campane o all’olio d’oliva tunisino spacciato per italiano, ma tutto ciò che serve allo sviluppo arriva da Mosca, da Pechino, dall’America Latina. E anche dai Paesi sanzionatori che aggirano le misure attraverso triangolazioni con Paesi terzi. Dunque le sanzioni non servono, se non nel brevissimo periodo. Mosca sta pagando a caro prezzo lo scontro con l’Occidente al servizio degli Usa. Ma Putin ha capito che il disastro odierno può trasformarsi in una grande chances, a patto che i russi comincino a lottare contro l’inefficienza individuale, contro la propria innata pigrizia, prima ancora che contro la corruzione pubblica. L’Iran c’è riuscito, Mosca non ancora. Dover imparare a far da soli, o con aiuti che cambiano, e’ uno stimolo, a patto che ci siano le capacità, le competenze. E vale non solo per l’economia mondiale, ma anche per la politica locale. L’isolamento, le difficoltà, permettono di far piazza pulita di personaggi impresentabili, di mononeuronici che potevano servire (poco) in passato grazie ad atteggiamenti folkloristici ma che non servono più a nulla quando si deve giocare una partita vera, dove si misurano intelligenze e capacità individuali.

Augusto Grandi

augusto grandi

L’Iran vola e ignora le sanzioni, Mosca non ancora
Tag:             

Un pensiero su “L’Iran vola e ignora le sanzioni, Mosca non ancora

  • 7 Marzo 2015 alle 12:52
    Permalink

    Salve
    L’italia, dopo la Germania, era il secondo paese esportatore verso la Russia, la Germania della schiavetta Merkel, che viene ricattata dagli americani perché era un’agente doppia, che oltre che per la Stasi con il nome di EriKa spiava anche per gli americani.
    Il servilismo del signor RENZI nei confronti di OBOMBA arriva al punto tale che con le SANZIONI DEI VASSALLI EUROPEI la Germania rinuncia alle sue esportazioni tecnologiche e noi alle esportazioni di frutta e verdure.
    mentre gli americani continuano a produrre Kalaschnikov con i russi mentre la EXON, E le altre ditte produttrici di petrolio continuano a commerciare con i RUSSI, si può essere più cretini di così? mi domando Quando Gli “amici” americani ci permetteranno un governo più dignitoso?
    Quale differenza fra il pitocco Renzi e Aldo Moro che voleva dare al popolo italiano la sovranità monetaria.
    Le mitragliette con le quali le brigate rosse annientarono la scorta di Moro provenivano dai delinquenti del Mossad.
    Il Mossad deve sempre essere a disposizione del CRIMINALE ROTSCHILD,che si oppone a chiunque attenti al benessere dei Bankster, secondo SHLOMO SAND Rotschild , di Nome Bauer,il nome ROTSCHILD derivava da un disco rosso che avevano sulla porta d’ingresso.
    Il vicepresidente Biden ha detto ” NOI ABBIAMO COSTRETTO GLI EUROPEI A METTERE LE SANZIONI” MENTRE LORO CONTINUANO A COMMERCIARE CON LA RUSSIA ATTRAVERSO LA EXXON E ADESSO CON LA STORIA DEI KALASCHNIKOV.
    QUANDO FINALMENTE L’EUROPA e L’ITALIA AVRANNO DEI GOVERNI DIGNITOSI E NON QUESTE MEZZE CALZETTE?
    La Germania sta cominciando perché si è costituito un PARTITO DEI PATRIOTI, che ha in programma di buttare fuori gli americani dal suolo tedesco e raggiungere la loro sovranità.
    e l’Italia?
    Certo che il presidente Napolitano, che quando Berlinguer parlava di QUESTIONE MORALE le definiva “cazzate”
    Dove finirà l’Italia
    Nel cesso della Storia
    giuseppe

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.