Non abbiate dubbi

di Roberto Nardella

<Consumi energetici in calo, spia di un disagio economico diffuso>

angelo della morteCon questa breve nota il sito investing.com annuncia quanto già avevo anticipato ieri: consumi energetici del 2013 a -3,4% e addirittura il gas a -6,5% rispetto al già nefasto 2012, dove la contrazione rispetto al 2011 era stata anche maggiore.

Non abbiate dubbi: la crisi, quella vera, è appena cominciata. Non lasciamoci fuorviare dai dati relativi alla produzione industriale dell’ultimo mese: quel segno positivo è scaturito dalla piccola ripresa sul fronte export che, in verità, è andato sempre piuttosto bene. Ma quanti di noi sono interessati direttamente, avendone ricadute economiche positive, da una ripresa dell’export? I consumi interni sono ritornati quelli della fine degli anni ’80, portando ogni giorno alla chiusura di centinaia di negozi, botteghe artigianali e piccole industrie.

E a tutto ciò aggiungiamoci anche:
<Al calo dei consumi si associa la morosità dei pagamenti in FORTE aumento sia da parte delle famiglie che delle imprese. I bonus sociali erogati dallo Stato nel 2013 ha interessato oltre 1,5 milioni di soggetti tra famiglie ed imprese, e si prevede che la domanda di sussidi subirà una ulteriore impennata nell’immediato futuro.>

Se analizziamo i dati relativi alla prossima stagione turistica, ci rendiamo conto che: i turisti stranieri, approfittando degli sconti a doppia cifra che gli operatori italiani offrono per gli ovvi motivi che tutti conosciamo, arriveranno anche quest’anno in numero maggiore ma, sull’altro fronte, abbiamo che la richiesta di servizi turistici da parte dei residenti è praticamente CROLLATA più del 50%. Ovvero, anche laddove i turisti stranieri aumentassero del doppio, cosa peraltro improbabile, nel 2014 avremmo un calo considerevole del fatturato dell’industria turistica, che reputo superiore ad un -15/20%.

Quando si capirà che erano gli italiani, con i loro lauti e maturi consumi, a far crescere il PIL nostrano sarà troppo tardi.

Intanto, la Anghelona, tanto per cambiare, dice a chiare lettere che anche quest’anno il deficit di spesa italiana dovrà essere INFERIORE al 3%.

Ma come si fa?
Ma chi sono questi per imporci tutto quanto va bene ai loro comodi?
E, soprattutto, QUANTO siamo fessi noi italiani a tollerare tutto questo?

Una classe di somari, imbecilli, corrotti e ignavi inquina questo Paese da troppo tempo ma, purtroppo, all’orizzonte NON vi è nulla di nuovo e dovremo aspettare (e subire) che francesi ed inglesi capovolgano quel famoso tavolo che non c’è.

La UE è la MORTE, e l’€uro è il suo becchino.

In bocca al lupo a tutti.

Roberto Nardella

Roberto Nardella

Non abbiate dubbi
Tag:                                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.