“Non pago”: affermazione ignobile per la Grecia, sacrosanta per l’Italia

di Augusto Grandi

girano

bilanciaBambole, non c’è una lira. Il classico dell’avanspettacolo dell’Italia che fu e’ diventato uno slogan politico. Solo che alla lira si è sostituito l’euro. Bambole non c’è un euro per i rimborsi. Chi l’ha detto? E come è stata accolta la dichiarazione? Dipende. Le stesse parole sono state accolte in modo diametralmente opposto dall’ignobile disinformazione di servizio di questa Italietta. Con indignazione e rabbia, quando a pronunciarla e’ stato un ministro del governo greco. Ma come? Prendono soldi non loro e non vogliono restituirli? Inaccettabile, vergognoso, infantile. Troppo comodo comportarsi così. E vai con la morale dei giornalisti di servizio e degli opinionisti a libro paga. Ma la stessa frase, pochi giorni prima, era stata pronunciata dai ministri del governo italiano. Condannati a restituire i soldi ai pensionati ma che, fregandosene altamente della condanna, hanno dichiarato che i soldi non saranno restituiti – se non una piccola parte ad una parte dei pensionati – perché i soldi non ci sono. Ed i commenti dei servizievoli giornalisti? Ma che bravi i ministri, che senso di responsabilità, che idea geniale. Peccato che la stessa genialità non valga quando i sudditi vessati da Iniquitalia provano a rispondere nello stesso modo: i soldi non ci sono e non ti pago. Allora i sudditi, che si comportano come il bugiardissimo e come Padoan, non dimostrano senso di responsabilità ma si trasformano in criminali nemici della nazione. O del governo che, per i servitori dell’informazione, fa lo stesso. Perché le regole non sono uguali per tutti. Perché le sentenze vanno interpretate a seconda dei propri comodi. Perché la Grecia senza soldi e’ cattiva ed il governo italiano che ruba i soldi e’ buono. Nella convinzione, forse esatta, che il popolo bue italiano non avrà neppure quel briciolo di coraggio e di dignità per votare contro questi ladri, contro questi cialtroni. Un popolo bue che non sa neppure rifiutare questa disinformazione indegna. E che si merita le tasse, i tagli, i furti.

Augusto Grandi

augusto grandi

“Non pago”: affermazione ignobile per la Grecia, sacrosanta per l’Italia
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.