Preghiera del mare

di Antonella Policastrese

preghiera mare
La risacca porta a riva schiuma di onde . Il mare agita le sue acqueMare solitario su cui veleggiano le ombre della sera desiderose diAmmantare le acque ed averlo in suo potere per una notte soltanto

Grembo che custodisce la quiete del giorno passato

Ammutolito e solcato da un manto luminoso di stelle

Ascolto la tua voce sulla soglia del tramonto adesso più tranquilla

E mentre la tua voce sfuma e si annoda a note di un canto si armonioso

So che toccherai fino all’ultima corda un cuore

Ammaliato dalla tua forza ,estasiato dall’immensità

Libero di ruggire di muoversi

Bagnando infinite sponde dove sirene curiose siedono

per carpire i segreti di uomini chini, dai volti scuri

con la tristezza dispinta sulla faccia i tratteggiata ogni tanto

anche da un sorriso,

Nitido è adesso il tuo canto..

Mare, amante fugace, compagno dei miei giorni più belli

Tu che sai e che hai accolto ogni mia lacrima

Trasformandola in coralli su fondi di roccia

Accogli come ogni sera la mia preghiera

L’anima sulle tue acque desidera perdersi e come sposa con il capo cinto di perle

Traccia il mio cammino suonando per me quell’antica canzone udita e ascoltata anche dal cuore in tumulto, che sa di vita, che sa di sale, che sa di te.

Antonella Policastrese

Antonella Policastrese

Preghiera del mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.