Schiavitù monetaria:debito perpetuo

di Arnaldo Spicacci Minervini

schiavitù monetaria bloggerNon c’è nessuna schiavitù peggiore di quella volontaria inconsapevole

venerdì 6 febbraio 2015

Debito Perpetuo

     E’ appena stato pubblicato un comunicato stampa su Cipro da parte della Commissione Europea
     Tale comunicato recita che gli inviati della Commissione hanno verificato i passi avanti delle autorità Cipriote relative al programma di riforme economiche concordato.

     Punti chiave di tale programma sono: “una moderna legislazione per i casi di insolvenza ed un quadro normativo per le procedure di sfratto.”
     Tutto questo finalizzato a “ridurre il livello di crediti in sofferenza al fine di ripristinare la crescita e la creazione di posti di lavoro.”
      Ecco questa ultima frase passa inosservata dai molti, il nesso di causa ed effetto: ridurre la quantità di crediti inesigibili, attraverso vendite dei beni ipotecati, riporterà la crescita. Questo nesso causale è totalmente falso ed ingannevole!
     Svendendo il patrimonio pubblico e privato Cipro (come l’Italia) ridurrà certo l’esposizione debitoria, ma resterà più povera di prima e non avverrà alcuna magia che ripristinerà la “crescita” e la creazione di nuovi posti di lavoro!
     Per chi non lo avesse chiaro in mente:  l’obbiettivo del Sistema Bancario non è quello di fare credito alla popolazione, bensì quello di appropriarsi di quanti più beni abbia la popolazione. La Commissione Europea in quanto emanazione di tali Poteri non fa altro che ripetere il Mantra: “il debito elevato impedisce la “crescita”, riducendo il debito si decollerà di nuovo economicamente”.
     Ma il debito che abbiamo con il Sistema Bancario è un debito perpetuo che è impossibile ripagare, mentre le nostre risorse: vita, energia, salute, beni di proprietà sono alquanto limitate. Non è possibile ripagare il debito in quanto il debito viene erogato in proporzione multipla rispetto al danaro esistente circa 1 a 100. Ovvero il debito è almeno 100 volte il valore del danaro esistente ed in quanto tale è matematicamente impossibile che sia ripagato mentre è matematicamente certo che questi Signori vogliono ri-appropriarsi di tutto ciò che abbiamo.
     Benvenuti allora in questa società, che tutti legittimano ed accettano passivamente senza farci troppa attenzione, benvenuti nel sistema del debito perpetuo dove siamo tutti schiavi più o meno consapevoli, con più o meno libertà, con più o meno gadgets e tempo libero. Benvenuti in questo meccanismo di “roulette russa” dove soltanto chi resta vittima del Sistema ne diventa, forse, cosciente.
Arnaldo Spicacci Minervini
Arnaldo Spicacci Minervini

 

Schiavitù monetaria

Un pensiero su “Schiavitù monetaria

  • 15 Marzo 2015 alle 16:59
    Permalink

    Cominciamo con aizzare i massmedia a farsi guerra fra di loro spronandoli a sbilanciarsi in favore delle masse.Le testate che capiranno gli convenga non essere piu a libro paga dei potenti ma delle masse potranno sovvertire lo status odierno,allora bisogna lanciare un amo con esca sperando che il pesce abbocchi salvandosi per primo lui stesso.Facciamo capire con il nostro operato la materia giusta a cui i giornalisti deliberatamente ci hanno tenuti allo oscuro osannando e premiando,o insultando e sputtanando.Marcello Foa mi sembra da osannare e spronare a fare di meglio.SALUTI!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.