Trova le differenze

di Fabio Di Biase

libertàIn questi ultimi tempi, tutti giocano per vincere, per allentare il cappio a cui sono legati i colli sul patibolo del boia.  I nostri colli!

“La libertà non ha prezzo”, l’ho letta ovunque, l’ho sentita pronunciare da tanti.

Se vi piace tanto questa frase è un bene.

Non sono un Forcone, neanche uno dei cobas, ne tantomeno un autotrasportatore… Ma grido con la loro stessa voce, la stessa rabbia, la stessa disperazione, perché sono un cittadino come loro.

Un semplice cittadino come tanti altri. Cercano di indurci a pensare che i gruppi in strada al nostro fianco non sono cittadini di questo stato, non sono persone che lavorano per questo paese, non sono i contadini, artigiani e commercianti che producono trasformano  e distribuiscono il nostro cibo.

I mass midia alleati con la politica giocano con i nostri sentimenti, ma ancor peggio sottovalutano il nostro intelletto in un doppio gioco che non ha rispetto della vera informazione.

Se loro ci invitano a giocare ad una partita truccata per derubarci degli ultimi spiccioli, allora, scegli tu il gioco e gioca per vincere l’unico montepremi mai messo in palio, la libertà.

Qual’é gioco scegliere?

Ne esistono tanti, ma vi suggerisco quelli d’intelletto, come ad esempio, una variante di “trova le differenze”. Questo simpatico gioco, molto simile a quelli proposti tra le pagine dei giochi di enigmistica e diverse riviste, si articola in tre punti. Osserva, confronta e trai le tue conclusioni.

Non vi verrà mostrato un foglio di carta con una immagine, ma solo una semplice definizione.

Definizione di Oligarchia: “governo di pochi che indebitamente esercitano il potere violando le leggi, e favorendo gli interessi particolaristici a scapito di quelli della comunità.”

Un termine di confronto:

L’Italia.

Ed uno scopo fondamentale.

Identificare la minaccia.

Avete riscontrato tantissime differenze?

Complimenti, avete fatto molta strada nella vostra vita, senza versare una goccia di sudore. Appartenete alla categoria di ladri, codardi e assassini che governano questo paese, amate nascondervi dietro giornali e telegiornali, dietro diffamazioni e bugie, dietro tasse e abusi di potere! Siete i complici dell’omicidio di imprenditori e cittadini, complici del furto di pensioni, stipendi e case. I responsabili della distruzione del futuro di milioni di giovani e della morte di un intero paese.

Avete trovato pochissime differenze o nessuna?

Mi dispiace, appartieni ai comuni cittadini che ogni giorno si ammazzano di lavoro per pagare gli estorsori statali. Ma sii fiero di te, perché appartieni agli Italiani che scriveranno una nuova pagina nei libri di storia. Quel Popolo che non si piega davanti alle minacce di un Governo di assassini e ladri. Sei la Donna o l’Uomo coraggioso\a che a testa alta grida basta, questa è la mia casa, la mia terra, la mia famiglia, che ho costruito e preservo col sudore della mia fronte, per il domani mio e dei miei figli.

Tu a quale categoria appartieni?

Fabio Di Biase

Fabio Di Biase

Trova le differenze
Tag:                     

2 pensieri su “Trova le differenze

  • 20 Dicembre 2013 alle 18:49
    Permalink

    E che c’è da commentare ancora. E’da vent’anni almeno che mi sforzo di dire cosa sarebbe successo e cosa accadrà nei prossimi mesi. Quanta gente ha fatto “spallucce” ridendo ed invitandomi ad essere “ottimista”. Ancora oggi mi sento dire :” Bisogna sorridere, metti via questi brutti pensieri”. Poveri zombies! La gente non sa cos’è la Commissione Europea,la BCE,il Fondo Monetario Internazionale,la Banca Mondiale,il WTO,l’OCSE,il Bilderberg e… meglio fermarsi quì perchè quello che potrei dire provocherebbe panico ed altro. Quando i popoli comprenderanno ciò che ci stanno facendo… “I popoli non dovrebbero aver paura dei propri governi, sono i governi che dovrebbero avere paura dei popoli” (T.Jefferson)

    Rispondi
    • 20 Dicembre 2013 alle 22:07
      Permalink

      C’è da commentare, si che c’è e quello che tu dici andrebbe gridato ogni giorno; coloro che campano di sorrisi ebeti muoiono con il ghigno da deficienti. Mi piace come scrivi… quando vuoi gridare più forte io il tuo grido lo pubblico! Jak

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.