TUTTO TACE AL 1° Febbraio 2015

uno splendido e partecipato articolo di Domenico Loche Paba

guvernu saedu provvisoriu

sarduSono trascorsi 10 giorni esatti dal giorno in cui una famiglia sarda, di Arborea, composta da due anziani, figli e nipoti è stata letteralmente sbattuti in mezzo alla strada per eseguire il compimento degli atti di un pignoramento.
Tralascio volutamente di esporre chi è perchè ha voluto “rapinare” quella casa e quell’azienda, in quanto persone ormai fin troppo note nell’ambiente dei pignoramenti; farò invece cenno alle modalità con le quali il pignoramento è avvenuto.
Fin dalle prime luci dell’alba del 22 Gennaio u. s., le forze di polizia (carabinieri-polizia di stato-corpo forestale sardo-vigili del fuoco), hanno circondato l’azienda e la casa dove dimoravano la famiglia Spanu. Ad un certo momento entrano in azione i diversi corpi di polizia e iniziano, più che l’allontanamento degli Spanu e dei presidianti, una vera e propria mattanza: dal principio manganellate a donne e uomini, sfondamento a colpi di mazza degli infissi e…………..ma questo compreso l’epilogo e le modalità, le conoscete gia.
Tutti ormai avete preso coscienza dell’ignominia di cui tutti si sono resi colpevoli in tutta quella vicenda.
Ma……l’ignominia maggiore di cui si sta rendendo colpevole è quella di tutta la classe politica e dirigenziale regionale, compresi tutti i parlamentari sardi che siedono nel parlamento italiano.
Ad oggi costoro, tacciono…….tacciono al punto che dal fragore, i timpani dei sardi stanno per esplodere, quelli degli Spanu sono già esplosi e anche quelli di chi in questi giorni, ore, stanno per subirne la medesima sorte.
Quanto scalpore, state facendo! Scalpore dato dalla vostra incapacità o dalla premeditazione di non volervi occupare della società Sarda?
Sono fermamente convinto che siano entrambi le componenti, infatti, ormai è sempre più chiaro che siete gli impiegatucci (con tutto il rispetto per gli impiegati), dello stato italiano e non i rappresentanti chiamati dal popolo Sardo a rappresentarli.
Conosco alcuni di Voi e so che cosa direte dopo aver letto e vi rispondo: sono un semplice, umile Sardo, sensibile ai problemi che oggi affliggono tutta la Sardegna che per il solo fatto di aver generato queste parole, sà di aver fatto molto più di Voi messi assieme negli ultimi 20-30 anni; Voi infatti, l’unica cosa che sapete produrre oltre al vostro lauto stipendio, una sempre rinnovata arte oratoria ingannatrice che sfoggiate sempre e solo ad ogni consultazione elettorale italica. Sistemate qualche parente, forse qualche amico, vi organizzate la opportuna visibilità ed ecco che avete appagato i vostri istinti, felici di aver fatto i compiti obbedendo così agli ordini di roma.
Del fatto che la Sardegna è la regione più povera; che è militarizzata più che in tutto il resto d’europa con annesso inquinamento; che abbiamo industrie che hanno e continuano a depauperare inquinando territori e falde; che in tutta la sardegna sono in atto oltre 6000 pignoramenti e……devo continuare? Ma no, Voi tutto questo lo sapete benissimo!
Avete tirato la corda fino all’inverosimile, che cosa vi aspettate ancora dai Sardi? Specie alle prossime consultazioni?
Menzione và fatta anche per stampa e le televisioni Sarde: con loro è indispensabile complimentarsi per aver dato largo spazio all’evento di Arborea. Il TG che è durato di più non è andato oltre i 45 secondi, in linea quindi con quella stampa (la maggior parte) in assonanza perfetta con il bieco mondialismo. Complimenti anche a Voi per aver dato così ampio spazio alla famiglia Spanu e a quanti lì si trovavano per difenderla che pure qualcosa da dire forse ce l’avevano!
Sento forte però, richiamare tutto il popolo Sardo! Lo chiamo in causa in quanto maggiore artefice e responsabile del proprio degrado sociale, civile e politico di tutta la nostra isola; infatti, se coloro che ho menzionato hanno una parte di responsabilità, il popolo invece ne ha la maggior parte: in primo luogo perchè li vota ed in secondo luogo perchè li lascia fare senza ribellarsi!
Cari compatrioti, i veri dormienti siamo NOI!
Noi, non amiamo più la nostra terra madre; noi non ci amiamo più o almeno non abbastanza; non amiamo i nostri figli, i nostri genitori, i nostri fratelli, i nostri vicini, il nostro paese……non ci amiamo più perchè non amiamo il nostro onore, le nostre radici…..tutto, tutto ci lascia indifferenti!
Ci lasciano indifferenti le scie chimiche, gli anziani che vivono nella migliore delle ipotesi con 500 euro al mese, in nostri figli costretti ad emigrare…….!
Che cosa deve accadere perchè possiamo finalmente raddrizzare le schiene?
E’ tutto nelle nostre mani, tutto dipende da noi, possiamo scegliere tra la libertà e la schiavitù; tra lo stare comodamente a casa o scendere in piazza; tra………il tacere o l’urlare: LIBERTA’.
Domenico Loche Paba

TUTTO TACE AL 1° Febbraio 2015: pignoramento
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.