Una bufala o è ricominciata una lotta nella culla della democrazia.

EDIZIONE STRAORDINARIA

Non so se è vero, se questo incontro si è svolto e se con queste modalità, ma se è successo è l’inizio della rivoluzione dei Cittadini verso le oligarchie. In Grecia nasce per la seconda volta la libertà e la democrazia! SAREI FELICE CHE NON ARRIVASSE UNA SMENTITA E ALTRETTANTO FELICE SE POTESSI VEDERE UN VIDEO TRADOTTO DELL’INCONTRO. A voi la lettura.

Questa la traduzione del testo tratto da controinformazione.info

tsiprasAlexis Tsipras, durante l’incontro con Martin Shultz, presidente del Parlamento Europeo, ha inviato alcuni messaggi alla cancelliera tedesca Angela Merkel.  Non soltanto ha inviato messaggi , ma in pratica ha voluto anche consegnare un memoriale dove si dimostrano i brogli dei grandi industriali (businesmen) greci e tedeschi e quanto questi loro affari sono costati alle casse dello Stato Greco. Tsipras mette sotto accusa i governi tedeschi che hanno collaborato e fatto affari con i grandi industriali ( magnati) greci nell’ interesse delle multinazionali tedesche.

“Sig Shultz”, ha detto Tsipras, ” la Germania ha fatto fallire il mio paese ed in questo memoriale ci sono tutti gli scandali con le prove necessarie: la Siemens , i treni, i sommergibili, le società di costruzioni, le evasioni fiscali e la continua immunità concessa per questi delitti. La lista Lagard (attuale dirigente del FMI) sempre tenuta nascosta dai precedenti governi con il consenso della Germania. E questa non e’ la sola lista”.

“Se voi, che avete provveduto al finanziamento delle banche, aveste invece insistito per il controllo finanziario degli industriali miliardari (magnati), invece di buttare i soldi nella spazzatura, si sarebbe potuto varare un programma di salvataggio della Grecia”.
“Non e’ possibile”, ha proseguito Tsipras, ” che si licenzino 400 donne delle pulizie e che si lascino impuniti i grandi evasori fiscali che hanno sottratto miliardi di euro. Non e’ Lei a conoscenza di questo sig. Shultz? ”

A un certo punto , scherzando, Tsipras ha detto a Shultz: “Noi possiamo portare la sig. Merkel davanti al Tribunale Internazionale (la Corte di giustizia dell’Aja) per aver causato l’impoverimento del popolo greco, dimostrando il coinvolgimento della Germania nel Business dei tedeschi con i magnati greci”.

“Una poverta’ che consegue alla distruzione del nostro paese sia durante la guerra , sia in seguito visto che la Germania ci ha imposto, in pratica, gli uomini politici e i governi nel nostro paese”.

Il presidente della commissione europea era rimasto di sasso senza poter articolare una parola di fronte a tanti documenti posti sulla scrivania da Alexis Tsipras e da Nikos Papas. Martin Shultz aveva iniziato la conversazione con Tsipras con tono aggressivo: ” che ci dici allora Alexis, hai deciso di fare il duro e mettere la Grecia fuori dall’euro?”

“Sig. Presidente, caro Martin”, ha risposto Tsipras, ” vorrei ricordarti che e’ ancora fresca la scelta del popolo greco verso Syriza,e questa scelta vuol dire fine all’austerity nella Grecia del post memorandum. Adesso io devo mettere in pratica il nostro programma, il programma di Syriza”.

“Come puoi fare questo? Dove troverai i soldi , visto che vuoi riassumere i dipendenti statali licenziati, vuoi fermare le privatizzazioni, vuoi aumentare stipendi e pensioni?”, ha risposto Shultz.

“Noi abbiamo un programma di riforma dello stato, siamo decisi a cambiare lo stato e il suo clientelismo e farla finita con il potere incontrollato dei magnati e le loro evasioni fiscali con la copertura dei precedenti governi”. A questo punto Tsipras consegna  a Shultz un memorandum con le prove schiaccianti , in lingua inglese.

“E ‘ un documento che dimostra i rapporti dei magnati con i governi greci. il documento e’ stato preparato da un gruppo di miei deputati e avvocati di Syriza”, ha detto Tsipras.

Durante la conversazione con il premier greco , Shultz ha ripreso il discorso del programma di salvataggio della Grecia,  tuttavia Tsipras in nessun modo  ha voluto ascoltare discorsi che riguardassero il precedente memorandum . “Il memorandum è morto: Kaputt!!”

Questo il testo in originale : triklopodia.gr

Jacopo Cioni

Jacopo

Una bufala o è ricominciata una lotta nella culla della democrazia.
Tag:                     

Un pensiero su “Una bufala o è ricominciata una lotta nella culla della democrazia.

  • 1 Febbraio 2015 alle 17:36
    Permalink

    Bene (visto la Grecia) adesso dobbiamo fare anche in Europa come ha fatto l’Equador nel 2008:
    In quell’anno il presidente Equatoriano si rifiutò di pagare il debito di 10$ miliardi circa e incarcerò quasi tutti i ministri dei governi precedenti per tangenti, truffe e furti di vari tipi e motivò e il suo rifiuto (di pagare il debito con US) dicendo che era un debito immorale.
    In precedenza il presidente Bush aveva usato lo stesso motivo per non pagare i debiti iracheni ma era pronto a fare comunque una guerra all’Equador, purtroppo per lui (Bush) nel contesto non fu seguito da Obama (nel cambio di presidenza) perché altrimenti gli stati uniti avrebbero dovuto pagare i debiti iracheni che ammontavano a circa 240$ miliardi (di debito immorale) che il dittatore Saddam aveva contratto con vari paesi tra cui l’italia(40$ miliardi).
    Quindi la motivazione “debito immorale” usata da Bush è una motivazione vincente per non pagare debiti e accusando i nostri politici di essere stati immorali e incarcerandoli avremo una cancellazione del debito!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.