Una nuova tipologia di fancazzisti si va delineando.

di Carlo Pompei

aristofreak1In realtà è una evoluzione mistificatrice dei frikkettoni, dei figli dei fiori sessantottini, con i quali hanno in comune soltanto i capelli, spesso lunghi, spesso sporchi, ma non perché non possano lavarsi.
Li vediamo sul palco il primo maggio, sono pace, amore e ambiente, vanno a farsi i selfie in Africa con viaggi pagati da onlus non meglio definite, spesso fanno il gioco di multinazionali farmaceutiche, forse inconsapevolmente. Forse no.
Sono gli aristofreak, generalmente figli di radicalchic imballati di soldi, oppure di capitalisti nazistoidi (non nazisti, non confondetevi), in prosecuzione o in disaccordo con le convinzioni genitoriali.
Indossano sandali di cuoio Timberland, hanno la bicicletta elettrica, ma da 2000 euro, hanno il suv BMW, ma lo prendono soltanto per andare a Cortina con l’autista, hanno un debole per l’etnico, non per rispetto delle culture altre, ma per ostentare cimeli come i cacciatori di leoni in un safari.
Non si muovono senza bonghi e chitarre, ma non sanno suonarli, quando si riuniscono, la musica muore.
Se contesti mezza cosa sei subito etichettato come fascista che ti opponi alle loro sacre convinzioni, spesso non colgono la contraddizione.
O non vogliono coglierla, il risultato, comunque, non cambia.
Sono nazionalisti conto terzi, si battono per l’indipendenza di Stati mai sentiti, ma se ti azzardi a difendere gli autoctoni di Tor Sapienza sei un razzista: “anche i clandestini hanno gli stessi diritti di chi paga le tasse da 50 anni!”, dicono.
Se dissenti, ti rinfacciano di aver dimenticato l’emigrazione italiana di inizi 900.
Gli rispondi che ce l’hai ben presente, che sai che la sorella di tua nonna è stata reimbarcata malata e gettata nell’oceano atlantico per evitare che il suo cadavere impestasse il resto dei passeggeri.
A corto di argomenti, ti liquidano con un “Buona vita, razzista fascista”.

Se li incontrate, evitateli.
Salvate ogni minuto della vostra vita.

Carlo Pompei

Carlo Pompei

Una nuova tipologia di fancazzisti si va delineando.
Tag:             

2 pensieri su “Una nuova tipologia di fancazzisti si va delineando.

  • 9 Febbraio 2015 alle 14:08
    Permalink

    Un’immagine azzeccatissima complimenti non sarei mai riuscito a dipingere un quadro così perfetto…ancora complimenti.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.