di Augusto Grandi

girano

C’è chi da’ i numeri, Berlu preferisce dare i nomi. E sono quei nomi che garantiscono la sconfitta a vita di ogni opposizione (falsa) al bugiardissimo. Chi, nel centrodestra eTO GO WITH AFP STORY BY ELLA IDE (FILES) This picture taken on January 25, 2006 shows Silvio Berlusconi then Italian Prime Minister Silvio Berlusconi before a meeting at the Palazzo Chigi in Rome. Italy's Supreme Court meets on July 30, 2013 to examine a fraud trial against Silvio Berlusconi which could see him ousted from politics and risks upsetting the country's fragile coalition government. AFP PHOTO / GIULIO NAPOLITANOancor più nelle destre, potrebbe votare per uno schieramento che propone Moretti come futuro ministro per le Infrastrutture? Non Nanni Moretti, proprio quel Moretti che ha umiliato in ogni modo i pendolari quando era ai vertici delle ferrovie. Quel Moretti che, di fronte a 5 cm di neve a Milano bloccava i treni e invitava i passeggeri sudditi a dotarsi di coperta e panini. Ma è solo uno dei nomi assurdi usciti dal cilindro di Berlu.

Al di la’ del fatto che i futuri ministri dell’irrealistico governo probabilmente non sono neppure stati interpellati. A differenza del sindaco in pectore per Roma. A Berlu piace Marchini, palazzinaro rossastro, buono per tutte le stagioni e per tutti i partiti. Una sorta di candidato ideale per quel partito della nazione voluto dal bugiardissimo e per nulla osteggiato, nei fatti, da Berlu. Entrambi sanno che a Roma, se eviteranno di suicidarsi con qualche idiozia, saranno i 5 stelle ad andare al ballottaggio. Contro chi? Dipende. Improbabile che sia il Pd. Dunque o il candidato delle destre, probabilmente Meloni, o quello di Berlu, quindi Marchini. E Marchini, nell’immaginario collettivo della banda d’Arcore, al secondo turno otterrebbe l’appoggio del Pd. Non si tratta, per Berlu, di conquistare Roma, ma di impedire che vincano i grillini. E lo stesso scenario si potrebbe riproporre a Torino. Se l’attuale sindaco Pd, Fassino, non dovesse essere rieletto al primo turno, al ballottaggio si troverebbe i 5 stelle. Ed il soccorso di Forza Italia, ridotta ai minimi termini nella capitale subalpina, non mancherebbe. In tutto questo manca, colpevolmente, una scelta forte di Salvini. Che da un lato assicura l’appoggio a Meloni e, contemporaneamente, pare pronto ad incontrare i candidati sindaci di Berlu sia a Roma sia a Milano. Accettando, nei fatti, un ritorno della Lega alla subalternità rispetto ad un partito in piena crisi come Forza Italia. Rinunciando a vincere perché, di fronte all’ipotesi di un governo con dentro Moretti, solo Matteoli potrebbe entusiasmarsi. Gli elettori-viaggiatori sicuramente no.

Augusto Grandi
augusto grandi
Berlu da’ i nomi per esser sicuro di perdere
Tag:                                 

2 pensieri su “Berlu da’ i nomi per esser sicuro di perdere

  • 7 novembre 2015 alle 04:43
    Permalink

    Mà ! QUESTO INDIVIDUIO CAZZO VUOLE ANCORA DALLA POLITICA ITALIANA !!!???? COLPA SUA Sè AL GOVERNO TROVASI QUESTI ABUSIVI DEL ””’PD”’ TUTTI MAFIOSI OGNI GIORNO UN INDAGATO INERENTE I FACENTI PARTE A I VARI ”COMUNI—-REGIONI–AL GOVERNO CENTRALE DI ROMA !! Sì COLPA SUA PERCHè CEDETTE ALLE MINACCE DELLO SCLEROTICO IN PENSIONE NAPOLITANO !!!!

    Rispondi
  • 12 novembre 2015 alle 07:40
    Permalink

    Si è dato alla metallurgia: è fuso.Girerà il film Silvio il metallurgico regista Moretti Sponsor Passera e Marchini.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.