Archive for Lombardia

Comunicato Stampa del Sindaco di Spino D’Adda

Riceviamo il seguente comunicato stampa che pubblichiamo

Comunicato Stampa del Sindaco di Spino D’Adda

Comunicato Stampa – Migranti Spino d’Adda verso una consultazione cittadina

Il Sindaco
COMUNE DI SPINO D’ADDA
PROVINCIA DI CREMONA
26016 – P.zza XXV Aprile 2 –
Partita IVA 00356340190 – Codice Fiscale 82003090196
COMUNICATO STAMPA – Migranti: Spino d’Adda verso una consultazione cittadina.
Per l’Amministrazione di Spino d’Adda vengono prima i cittadini. Vengono prima dello Stato, delle forze politiche, del Prefetto.
Per questo la giunta di Spino d’Adda ha deciso che, nel caso Read more

L’EXPO 2015 PROTETTO DALL’ESERCITO….

L’EXPO 2015 PROTETTO DALL’ESERCITO….

di 

vocidalmondo

militari expoL’Expo 2015, per molti, è un grande affare. È un affare per chi ha affittato i terreni (e che tra pochi mesi se li riprenderà con sopra tutte le opere che non saranno state rimosse entro aprile 2016). È un affare per chi ha realizzato molti degli stand (bypassando, con la scusante del ritardo accumulato, regolamenti e norme che in tutti gli altri cantieri, invece, si è costretti a rispettare). È un affare per migliaia di escort che si sono precipitate a Milano e dintorni (addirittura hanno aperto un sito chiamandolo EscortforExpo….).

Ma l’affare più grosso lo hanno fatto gli organizzatori Read more

Freddezza: togliere la vita è come guardare la partita

Freddezza: togliere la vita è come guardare la partita

di Antonella Policastrese

motta viscontiUccide con freddezza la moglie dopo un momento di intimità, accoltella a sangue freddo anche i suoi figli, che dormivano tranquillamente ignari di quanto stesse succedendo. E tutto perchè? Aveva una passione non corrisposta per una sua collega. Non ci sono parole per definire questa persona . Muoiono le parole, perchè nessuna parola riesce a definire il comportamento ignobile di chi crede di sbarazzarsi in un secondo di moglie e figli. Come se non bastasse avere un comportamento così lucido da andare a vedere la partita , ritornare e fingere lo sgomento per la famiglia massacrata. Dove siamo arrivati? Non era più semplice Read more

COME RICONOSCERE UN BUON POLITICO

COME RICONOSCERE UN BUON POLITICO

di Gabriele Garzoli

lago maggioreUn vero politico deve PREVEDERE e prima di FARE
dovrebbe consultare i propri SENTIMENTI

Come me non farai tanta strada perché darai fastidio ai più, tuttavia tieni presente che l’uomo sta cambiando e forse prima di morire avrai il piacere e la soddisfazione di dialogare con tante persone che ti assomiglieranno. Le generazioni future ti ringrazieranno per aver dato il via ad un modo nuovo di pensare e di vivere.

Un buon politico per risolvere i problemi del quotidiano.
Deve credere negli obiettivi e farli capire a tutti coloro che intendono partecipare al suo disegno.

Vi farò un esempio banale che chiarirà questo concetto.
Nei programmi che le forze politiche presentano si fanno tante ipotesi su progetti più o meno intelligenti che diventeranno i loro “ Cavalli di battaglia “.
Dopo essere stati realizzati ci si accorge che il risultato non rispecchia le aspettative come mai?

Prendiamo in considerazione lo sviluppo turistico della nostra zona il Lago Maggiore.
Se ne parla da sempre e ci si chiede come mai nessuno sino ad ora sia stato in grado di farlo decollare.
Un imprenditore serio per iniziare una attività dovrà valutare il territorio sul quale intenderà operare prendendo in esame gli aspetti favorevoli e quelli frenanti attribuendo ad essi un coefficiente preciso che potrà essere modificato e corretto al meglio. Solo alla fine di questo studio potrà pronunciarsi e rischiare con tranquillità di fare un investimento.

ANALISI TIPO

– STRUTTURE
– RICETTIVITA’
– TRASPORTI
– SERVIZI
– FORZA LAVORO
– PUBBLICITA’

Questo tipo di analisi dovrebbe essere condotto da un Centro di Ricerche Socioeconomico istituito sul posto e coordinato da un esperto ad altissimo livello . il contatto con le realtà esistenti è di fondamentale importanza per la pianificazione degli interventi nel rispetto dell’esistente.

Gabriele Garzoli

Gabriele Garzoli

Milano,,,,,,,,,,,,,Putiferio in Procura

Milano,,,,,,,,,,,,,Putiferio in Procura

di Mario Falcone

procura milanoProcura di Milano sotto Accusa……….abituata ad Accusare si trova Improvvisamente sotto Accusa, mettendo in difficoltà uno dei più importanti uffici Inquirenti d’Italia.

Alfredo Robledo

Il caso di Milano viene alla luce tramite il Magistrato Alfredo Robledo, esponente di Magistratura Indipendente, dal 2009 Procuratore Aggiunto e Capo del Pool Anti corruzione il quale Accusa la Procura ed il Procuratore Edmondo Bruti Liberati di Monopolizzare le Inchieste non rispettando le norme che regolano le Procure, facendo partire il 12 Marzo la sua Accusa al CISM – Consiglio Superiore della Magistratura la quale, non potrà far finta di niente anche perchè la Corrente di Bruti Liberati, MD – Magistratura Democratica a cui appartengono la maggior parte dei Magistrati che collaborano col Procuratore Capo, ha sempre deliberato diversamente ed in modo Sistematico la Obbligatorietà delle Azioni Penali sfruttando per Anni lo strapotere di MD nella Giustizia Milanese e con i Processi non sempre in Linea con la vera Giustizia.

Edmondo Bruti Liberati Edmondo Bruti Liberati

Tutto questo accade alla vigilia della Campagna Elettorale per il Rinnovo del CSM per il quale non sono i Cittadini a decidere a quali Magistrati dare il Consenso, ma sono loro stessi nel loro Interno a rinnovare nuove nomine a Presidenze, Procuratori Capi e Aggiunti, Pubblici Ministeri e quant’altro e sarebbe interessante capire quanto tutto ciò riguardi gli equilibri di Potere tra le Correnti e le singole Persone ed anche quanto riguardi la Trasparenza delle Inchieste, non utilizzandole a fini Politici che è invece quanto sta accadendo negli ultimi Anni con il beneplacito del Quirinale.

Le irregolarità del Procuratore Capo Bruti Liberati , è aver assegnato i Fascicoli più Delicati, che competevano al Pool Anti corruzione di Alfredo Robledo , agli Aggiunti più vicini alla sua Corrente, Ilda Bocassini, Francesco Greco e Pietro Forno con le Inchieste che riguardavano il caso Ruby Berlusconi, Roberto Formigoni e il Crac del San Raffaele, l’Inchiesta Gamberale – SEA ed Inchieste ancora Segrete rigurdanti le Tangenti.

Se è vero tutto ciò, Auguriamoci che non riconfermino Bruti Liberati a Capo della Procura di Milano e prendano in considerazione di mettere in tutte le Procure del Territorio Nazionale, Procuratori, Magistrati e Pubblici Ministeri Onesti e Trasparenti che garantiscano alle difese quello che Costituzionalmente la nostra Legge prevede e non secondo le Convenienze e le diversità Partitocratiche che purtroppo sono incipienti nella nostra Magistratura.

Riusciremo mai in Italia ad avere una Classe Dirigente che Governi con Criterio, Saggezza e Onestà e una Magistratura che rispetti la Sovranità dei Cittadini Tutti senza distinzioni perchè sono loro che dovrebbero difendere il Paese insieme alle Forze dell’Ordine da tutto ciò che è Inquinato, Corrotto e Perverso, così da poter far ricredere Noi tutti nelle Istituzioni da cui siamo Governati…….potremo mai avere un Paese Sano nelle sue Persone?????………….

Mario Falcone

Falcone Mario

Incontro: Come salvaguardare i risparmi dei lombardi

Incontro: Come salvaguardare i risparmi dei lombardi

Un incontro pubblico per capire il crollo sistemico in atto e capire come uscirne attraverso la Glass-Steagall e il ripristino del sistema creditizio pubblico.

“È più importante ESSERE che APPARIRE.”

incontro

Disservizio dei Trasporti

SERVIZIO TRASPORTI E TURISMO LACUALE

di Gabriele Garzoli

Gran contato dei Borromei e Gran ducato dei Visconti
Specchio, specchio delle mie brame chi è il più coglione di questo reame?
traghetto per IntraE’ la domanda che mi sono fatto ieri sera a Laveno davanti al traghetto appena salpato per Intra. Partito da Como alle 18,17 ho cambiato a Saronno alle 19,01. Partenza per Laveno 19,12. Come d’abitudine ritardo da MILANO dopo 20 KM, di tre minuti. Treno stracarico senza possibilità di sedersi fino a Tradate. Arrivo a Varese con cinque minuti di ritardo. Penso ricupererà sulla tratta verso Laveno. Il conducente delle carrozze equine sembrava fare apposta a procedere a rilento, morale siamo arrivati a destinazione alle 20,31 con 11 minuti di ritardo. Partenza traghetto 20,30 e come al solito, sarà la quarta volta che mi succede, ti saluto, aspetta o pirla con altre tre persone un ora! Inutile lamentarsi con il bigliettaio perché è l’unico che ha un grammo e mezzo di cervello fra tutti i navigatori vichinghi. Procurare disagio agli utenti è il massimo divertimento dei ferrovieri e dei traghettatori. DUE considerazioni in merito:
A) Chi arriva volutamente in ritardo di 11 minuti
B) Chi parte dopo neanche un minuto senza aspettare il treno avendo a disposizione una traversata che dura massimo 20 minuti
C) Una amministrazione che fa pagare 3, 80 euro per 4 km. 90 cent al km.
D) L’altra che fa pagare 6 euro per 100 km 60 cent a km.
Credo che i più pervertiti siano i batelott o no?
Il trasporto su acqua più caro del mondo gestito a livello locale da una intelighentia sinistrorsa che è stata addestrata a Cuba da Cristoforo Colombo e dalla regina Isabella in trasferta!! Ma non sono monarchici? Che dici, sono solo dei MONA!
Per l’ammiraglio propongo un aumento consistente di stipendio e per la ciurma un una tantum per l’aumento di produzione di simpatia.
Gabriele Garzoli
Gabriele Garzoli

Burocrazia Infernale: non si fanno così gli Interessi dei Cittadini…

Burocrazia Infernale: non si fanno così gli Interessi dei Cittadini…

BASTA CON LE PROMESSE E GLI INDUGI !!!!!

di Mario Falcone

com_adige_mantova da  Milano (Lombardia)

Apri questa foto e leggi

art inquilini
La nostra storia:

Il nostro è un Comitato che rappresenta gli inquilini che vivono nelle case di Via Adige e Via Mantova, di proprietà della ASL di Milano. Attualmente delle 84 abitazioni, 20 sono vuote da anni e le restanti sono abitate da famiglie per lo più impiegate a basso reddito e appartenenti a fasce deboli come pensionati o disabili.
Queste case sono… state lasciate in totale degrado da molti anni e il Direttore della ASL, ha deliberato l’intenzione di procedere al “diniego di rinnovo” di tutti i contratti, sostenendo che le risorse economiche disponibili non potevano essere impiegate per le spese di ristrutturazione, ma erano destinate prioritariamente ai servizi per i cittadini e esprimendo la ferma volontà di procedere alla vendita dello stabile per destinarne diversamente gli usi (housing sociale, affitti a libero mercato, ecc).

A fronte di tale minaccia che avrebbe sicuramente peggiorato l’emergenza sociale cittadina, ci siamo costituiti in Comitato con il sostegno delle organizzazioni sindacali per continuare a vivere in queste case dove la maggior parte delle famiglie ha sempre vissuto e proprio per questo integrate pienamente nel quartiere.

Abbiamo cercato di coinvolgere le parti sociali e politiche (Consiglio di zona, Partiti, Comune) e in sede di incontro avuto in Regione nel settembre 2011, l’Assessore alla casa Zambetti, ha proposto a tutte le parti presenti (Comune, ALER, Sindacati e ASL) di superare tale situazione con una Convenzione tra ALER (che avrebbe preso in gestione le case) e ASL (che sarebbe rimasta proprietaria), soluzione accolta da tutti, tanto che la stessa ASL ha emesso una delibera in tal senso.

A distanza di più di due anni, la convenzione non è ancora stata sottoscritta davanti al notaio e ciò lascia gli inquilini in condizione di stallo ed inquietudine, sia in riferimento alla situazione contrattuale sia a quella manutentiva e gestionale degli stabili in questione, anche alla luce degli ultimi risvolti politici avvenuti in Regione dove l’interlocutore principale che era l’Assessore ZAMBETTI è stato travolto da vicende giudiziarie a tutti note.

Nel marzo del 2013 si è instaurato in Regione Lombardia il nuovo consiglio e l’assessore di riferimento è ora Paola Bulbarelli che da subito si è mossa per salvaguardare la posizione degli inquilini di queste case. Al momento tutto tace e dopo le promesse iniziali siamo nuovamente in quella fastidiosa e preoccupante fase di stallo e incertezza. Le risposte non arrivano e la crisi dell’ALER non aiuta la risoluzione. Quindi ci domandiamo quale FUTURO?

QUINDI CHIEDIAMO

• CHE FINALMENTE VENGA SOTTOSCRITTA LA CONVENZIONE;
• CHE SI PROCEDA AI RINNOVI DEI CONTRATTI DI AFFITTO;
• CHE SI ESTENDA TALE CONVENZIONE ANCHE AGLI INQUILINI DEGLI ALTRI STABILI DI VIA TANARO, VIA PONTE NUOVO, VIA CASATI E VIA VOLTA, CHE SOFFRONO LA STESSA SITUAZIONE;
• CHE LE FORZE POLITICHE COINVOLTE IN TALE PROCESSO CI SOSTENGANO PER UNA DEFINIZIONE A BREVE DI QUESTO PROBLEMA, PER NON AGGRAVARE ULTERIORMENTE IL PROBLEMA “CASA” A MILANO.

comitatoadigemantova@libero.it

videoConferenza Stampa Congiunta Inquilini Stabili Asl Milano
Quale futuro per gli inquilini delle case di proprietà dell’ASL di Milano? Sono oltre 170 gli inquilini, tra i quali moltissimi anziani, che vivono nelle stabili di p…
7 Febbraio 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
galleryPresidio Regione Lombardia_riforma Aler
Dopo altri mesi di silenzio da parte della Regione, in una situazione di sempre crescente tensione e paura degli inquilini per il loro futuro, aggravata dal terremoto…
26 Novembre 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
videoCONFERENZA STAMPA_Case ASL_CONVENZIONE ASL/ALER_Quale futuro
Non è accettabile che gli impegni non vengano rispettati e che la Regione, ente di controllo di entrambi gli enti, accetti passivamente le inadempienze amministrative…
11 Dicembre 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
hdvideoRegione Lombardia_CASE ADIGE-MANTOVA_QT.Rosati R.Bulbarelli
Nuova fase di stallo Passato il 15 maggio 2013, passate altre settimane senza che ne gli inquilini ne il sindacato ricevessero notizie in data 19 luglio 2013, dopo v…
4 Dicembre 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
hdvideoPRESIDIO REGIONE LOMBARDIA_Convenzione ASL/ALER_NUOVA GIUNTA
Il 13 marzo 2013 si insedia la nuova giunta regionale. Gli inquilini di via Adige e via |Mantova sono in presidio davanti al Pirellone e incontrano brevemente il nuovo…
4 Aprile 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
galleryComitato ADIGE|MANTOVA. Presidio in Regione Lombardia.
In occasione dell’insediamento nuovo consiglio regionale, il comitato ADIGE|MANTOVA e gli inquilini organizzano un presidio per cercare di sensibilizzare la nuova giun…
27 Marzo 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
galleryComitato ADIGE|MANTOVA. Flashmob #02. Contro gli sfratti.
Gli inquilini degli stabili ASL chiedono il rinnovo dei loro contratti e dicono NO agli sfratti. Inoltre chiedono a gran voce la definizione della CONVENZIONE ASL/ALE…
10 Marzo 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
galleryComitato ADIGE|MANTOVA. Flashmob #01. Contro gli sfratti.
Gli inquilini degli stabili di Via Adige 3 e via Mantova 2, manifestano contro il “diniego del rinnovo del contratto” mandato dal padrone di casa (ASL Milano) a tutti…
3 Marzo 2013
com_adige_mantova | Milano (Lombardia)
.
Apri questa foto e leggi
art inquilini2
Mario Falcone
Falcone Mario

Scie chimiche al Parco di Monza

Scie chimiche al Parco di Monza

di Paolo Ruffini

Durante una passeggiata al Parco di Monza ho riscontrato nel cielo la formazione di strane scie molto lunghe persistenti e una strana presenza al suolo di molte e vaste ragnatele “filone”.

Ciò che mi chiedo è questo:
1) quelle scie lunghissime, dense e persistenti sono normali scie di condensazione? Qui nel blog ho proprio creato un articolo sulle scie di condensazione e quello che ho fotografato non era una scia di condensazione.

2) sugli steli d’erba e sulle siepi era pieno di fili, come bava, ma pieno, si può dire ricoperto ma di fili “bavosi” sottilissimi. Cosa sono?

Ho girato un breve filmato montato poi con alcune foto alla scia incontrata nei cieli di Monza e una mia riflessione: ecco il LINK. Guardatevi il filmato!

Paolo Ruffini

Paolo Ruffini