Donne stuprate, massacrate, impiccate, sgozzate, rapite, schiavizzate.

di Antonella Policastrese

indiane impiccatePiù si va avanti, più salta fuori una violenza sempre più marcata , che ha come oggetto le donne. C’è una crisi di indentità senza precedenti. Per inseguire la costruzione di un mondo a misura di finanza e banche stiamo diventando come gli indiani d’America, cacciati dai loro territori con la forza, espropriati del loro bestiame privati della loro cultura. E ciò che è peggio è che siamo davanti a casi di negazioni di diritti in ogni angolo del pianeta. Diritti che da sempre non riguardano le donne ,universo parallelo da ignorare e se possibile silenziare. Due ragazzine indiane seviziate ed impiccate da un branco di balordi. Vedere penzolare quei corpi ,le cui immagini sono state proposte dai giornali di tutto il mondo, è come vedere impiccata la speranza ,umiliata la dignità di qualsiasi essere umano che non ha diritto nemmeno ad aprire la bocca. Eppure l’India è uno dei Paesi che sta correndo in fretta verso un capitalismo, tanto da farla considerare una delle potenze mondiali . Una potenza che evidentemente poggia il suo potere sulle disuguaglianze sociali e sulla prevaricazione verso donne abusate ed uccise. Il consumismo che rende più forte l’ideologia del capitalismo ha come finalità quella di consumare anche il corpo delle donne, annullando sentimenti e pensieri. Oggetti che, una volta servite allo scopo, devono essere eliminati. Due corpi che penzolano ad un albero, amaro epilogo di un messaggio a generazioni di ragazze per avvertirle che c’è una gerarchia di valori da seguire, esposte ai voleri di chi può disporne come vuole, tanto poi la giustizia rimarrà un optional e se si è poveri non c’è pericolo di invocarla. Cosa dire poi delle ragazze rapite in Nigeria per farle desistere dall’insana voglia di studiare ed acculturarsi? Meglio darle in mogli ai propri rapitori, facendo loro capire cosa siano i rapporti di forza e che qualsiasi cultura è ben poca cosa e a niente serve. Donne che devono essere sfigurate, ree di far la pubblicità per un profilattico, sgozzate se sono giornaliste perchè mettono in pericolo la jihad. Donne sempre meno tutelate ,ridotte all’obbedienza, sfruttate utilizzate come contenitori per dar origine alla vita, senza che abbiano diritto ad autodeterminarsi e scegliere consapevolmente cosa fare e dove andare.

 Antonella Policastrese

Antonella Policastrese

Donne stuprate, massacrate, impiccate, sgozzate, rapite, schiavizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.