Il mio COMUNICATO STAMPA

di Ferruccio Palazzo

30 denariLa giustizia sociale, nel nostro Paese, è diventata un giocattolo in mano ad una manica di manigoldi. Questa gentaglia, come Giuda col Cristo, hanno venduto la loro gente per trenta miserabili denari ai Farisei del Capitalismo finanziario. La forma piu’ aberrante di imperialismo è applicata non da uno Stato Sovrano, bensi’ da una gang di finanzieri e banchieri senza scrupoli che, in 30 anni, hanno cancellato 200 anni di lotte sociali e storia sociale italiana. Sono riusciti a perpetrare un crimine cosi’ sottile ed infame che, al confronto, i tanto urlati campi di concentramento tedeschi erano dei ritrovi ricreativi. In pochi anni hanno trasformato la cultura della nostra nazione in un sottoprodotto del consumismo sfrenato tipico americano, che ci ha fatto perdere il punto di riferimento sociale ed affettivo che era tipico italiano. una perdita di valori e di obiettivi che, duramente, avevano protetto storicamente le genti italiane, anche nei periodi piu’ bui della nostra storia. Sono riusciti ad incrinare la solida struttura della famiglia italiana in un orgia di futilità a tal punto che ci si ritrova a non avere nemmeno piu’ chiara di come sia fatta la struttura stessa. Padri contro figli, figli contro padri, perdita del concetto di vita familiare e del matrimonio stesso. Tutto è fondato sull’ “usa e getta”, comprese le nostre vite, che non sono considerate come cosa preziosa ma come tassello del commercio e dell’economia. Le ideologie della nostra storia erano basate TUTTE su di un cardine solidissimo: l’essere umano. I vari filosofi e pensatori italiani hanno sempre avuto come punto di partenza l’uomo nella preziosità del suo essere e delle sue esigenze (esigenze non egoistiche ma di esistenza) e giu’ fino all’ultimo gradino…che era per tutti l’aspetto economico della società. La distruzione dei valori del pensiero filosofico di questi anni hanno decisamente rovesciato questa scala di valori, portandoci ad essere ultimi….schiavi. L’orrido risultato della devastante presenza del Liberismo Finanziario nel nostro Paese è ben peggiore di qualsiasi punizione fisica; è un lento logoramento della coscienza interiore e collettiva che ha trasformato uomini capaci di pensare e di avere ideali, in bestie senza cervello e dediti solo al personale benessere esteriore.
Il capitalismo liberista è un male assoluto, un cancro che bisogna debellare sia dalla scena amministrativa e politica nazionale, sia dalla coscienza del singolo cittadino. E’ inaccettabile che il POPOLO ITALIANO continui a subire la pressione di questa dittatura. E’ inaccettabile che la coscienza del singolo e l’anima popolare sia oppressa ancora dal male oscuro dell’interesse di pochi.
Il ritorno alla socialità del nostro Stato è doveroso da parte di ogni italiano, per il rispetto al sacrificio dei Padri e per il futuro dei nostri figli. Nessuna schiavitu’ deve essere accettabile per un obiettivo superiore, soprattutto se richiesta col ricatto.
Liberi siamo nati e liberi vogliamo vivere.
La politica italiana tutta si è macchiata di essere il mezzo della ingiustizia sociale e dell’avvento delle lobby capitalistiche liberiste. Si è macchiata della degradazione del popolo italiano e della svendita dei suoi beni. Per questo dal 9 Dicembre chiederemo con forza il loro licenziamento. Noi non crediamo piu’ legittimi i nostri amministratori.
Il gruppo di Brindisi aderisce all’iniziativa e sarà pronto ad ogni azione richiesta dalla propria assemblea e da quella nazionale. L’assemblea è aperta a tutti ed ognuno vale uno.

W l’Italia!!!

Ferruccio Palazzo

Ferruccio Palazzo

Il mio COMUNICATO STAMPA
Tag:                                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.