Lettera Aperta agli Avvelenatori del Pianeta

Lettera Aperta agli Avvelenatori del Pianeta

a cura di Sergio Tracchi

hackthematrix

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il titolo originale di questo appello, in lingua inglese, è differente. Chi ‘gioca’ però con la ionosfera è indifferente all’umano genere per cui merita il titolo diavvelenatore, senza sconti. La Geoingegneria clandestina è l’arma globale più perniciosa che esista, in un contesto già pregno di inquinanti vari di origine artificiale indotta. La creazione di un qual nuovo ‘brodo primordiale’ verso una qual vagheggiata forma di implementazione artificiale delle qualità della vita sulla Terra è solo un pretesto, perché presuppone purtroppo un genocidio lento ed inesorabile. Questa è la cruda verità. La lettera:  
LETTERA APERTA – autore: Marcus Karr
Caro Scienziato del Clima e/o dell’Atmosfera,
L’acceso dibattito sul riscaldamento globale sembra essersi raffreddato, poiché, dopo una revisione di rilevanti fattori –  tra cui “l’aumento delle concentrazioni atmosferiche di gas a effetto serra”; “le modifiche globali alla superficie terrestre, come la deforestazione” e le isole di calore urbano; “l’aumento delle concentrazioni atmosferiche degli aerosol” (1);  e anche alcune idee che vanno oltre, come i raggi cosmici e le variazioni nell’attività del sole (2) – sembra sia stato raggiunto il consenso che l’aumento dell’anidride carbonica, del metano, e le emissioni di ossido di azoto siano un fattore decisivo primario (3).
È opinione di questo autore che tale consenso sia prematuro, per il fatto che non sono state presentate tutte le prove. Alcune nazioni avanzate sono state, da qualche tempo, volutamente ‘manomesse’ a livello atmosferico.
Mezzo secolo fa il metodo di scelta fu l’uso delle armi atomiche (4), ma da allora l’arsenale è divenuto più sofisticato, fino a includere “l’immissione di vapori chimici ed il riscaldamento, o la carica, tramite radiazione elettromagnetica o fasci di particelle”. In una revisione di questo tema ad opera dell’US Air Force, nel 1996, fu sottolineato che ‘molte tecniche per modificare l’alta atmosfera sono state dimostrate sperimentalmente con successo‘ (5).
sciechimiche2
L’estratto degli atti di un convegno del 1990 tenuto sul tema della ‘Modifica Ionosferica e Suo Potenziale per Migliorare o Peggiorare le Prestazioni dei Sistemi Militari’ ha rimarcato che purtroppo ‘l’interesse [nell’atmosfera superiore] si è focalizzato sull’identificare e quantificare le limitazioni che essa impone ai sistemi [militari], piuttosto che sui modi in cui potrebbe essere alterata, o controllata’.
Tuttavia, gli autori continuano a dire che ‘Una varietà di tecniche di modificazione [atmosferica], sia di terra che spaziali, sono in fase di studio per aumentare o diminuire la ionizzazione esistente o per creare plasma artificiali indipendenti. Queste tecniche comprendono onde radio ad alta potenza, laser, fasci di particelle, e rilasci chimici’ (6).
La revisione dell’Air Force, a cui sopra si riferiva, al citato ‘plasma artificiale indipendente’ come la ‘creazione di una ionosfera artificiale’. Uno dei documenti presentati alla conferenza del 1990 – focalizzato su ‘Ricerca teorica e sperimentale riguardo la creazione, il mantenimento e il controllo di strati artificiali di ionizzazione in uno spettro che va da 50 a 90 km di altitudine’ – illustra l’utilizzo di ‘specchi ionosferici artificiali’ (AIM) nei termini di ‘uno specifico approccio tecnico, all’uso di onde RF [Radiofrequenza] di terra a potenza molto alta, per disintegrare l’atmosfera’ (7).
Rileviamo uno scopo dichiarato, relativo alla creazione di una ionosfera artificiale, nel brevetto per gli specchi ionosferici artificiali (8), che recita:

 

scie-chimiche-pd-movimento-5-stelle-2
In passato, la tecnica di usare la ionosfera come uno specchio per riflettere le onde radio, o l’energia RF, ha dato ai Radioamatori la possibilità di inviare trasmissioni su lunghe distanze. Questa tecnica ha anche fornito ai sistemi radar la capacità di guardare ‘oltre l’orizzonte’. Variazioni e fluttuazioni nella ionosfera, tuttavia, possono rendere incerta l’efficacia di tali comunicazioni. Così, la desiderabilità di creare nell’atmosfera strati di plasma controllabili … è stata ammessa.
Il brevetto descrive chiaramente i mezzi con cui vengono create le ionosfere artificiali:
3. Un’ apparecchiatura per generare un AIM comprendente:
(A) un’ antenna riscaldante ad allineamento di fase focalizzata ad una certa altitudine per provocare una ionizzazione a valanga di un’area da creare nell’atmosfera.
Non ci sono molte ‘antenne riscaldanti ad allineamento di fase’ nel mondo, e quelle poche hanno attirato qualche polemica – forse sapete di cosa sto parlando – quindi non ho intenzione di menzionarle qui per nome.
Se vi ricordate, dalla revisione Air Force che ho citato sopra, la modifica atmosferica è stata raggiunta per mezzo di ‘iniezione di vapori chimici e del riscaldamento o carica tramite radiazioni elettromagnetiche o fasci di particelle’. Ho speso già una parola sul ‘riscaldamento o la carica tramite radiazione elettromagnetica’, e ora vorrei citare brevemente la rilevante ‘iniezione di vapori chimici’.
Un articolo del 1990 della Stanford University dal titolo ‘Panoramica della Modificazione Ionosferica da Piattaforme Spaziali’ discute dei ‘metodi non elettromagnetici per la modificazione … della ionosfera terrestre’ (9).
L’abstract prosegue:
Di questi [metodi], il meglio compreso consiste nell’iniezione diretta di vapori chimici nel mezzo ambiente. … La modifica alla ionosfera può andare avanti per ore dalle iniezioni [di bario]. Sono stati rilasciati anche altri vapori, compreso il vapore acqueo, l’Esafluoruro di Zolfo [SF 6] e altri gas più nocivi, secondo sforzi riusciti per alterare la chimica della ionosfera.
Oltre all’articolo della Stanford, uno studio del 1979 dell’Università dell’Alaska intitolato ‘Rilasci Chimici nella Ionosfera’ riportava che ‘Lo sviluppo della tecnica di rilascio del bario termite attiva l’osservazione sia dei moti neutri che ionici, quest’ultimo porta invece direttamente alla determinazione dei campi elettrici ionosferici’ (10).
A questo punto lo scettico dentro di voi potrebbe obiettare che questi rilasci sono stati effettuati nell’ alta atmosfera, nello spazio vicino, dove, a quanto pare, non c’è molto effetto sui processi di determinazione del clima della bassa atmosfera. Tuttavia, data l’esistenza di una ionosfera artificiale tra 50 e 90 km di altitudine, sembra probabile che il bario e gli altri rilasci chimici dovrebbero trovarsi piuttosto vicino a casa, con l’ obiettivo di ‘alterare la chimica’ e ‘determinare i campi elettrici’ della citata ionosfera artificiale.
Infine vorrei porre alcune domande ovvie, per le quali io non sono qualificato a rispondere, ma su cui forse si può essere in grado di fare luce.
1. Qual è l’ effetto di una ionosfera artificiale sul clima e sul tempo?
2. Qual è l’effetto dei deliberati rilasci chimici di bario e ‘di gas più nocivi‘ nell’atmosfera, sul clima e sul tempo?
3. Qual è l’effetto delle ‘radiazioni e dei flussi di particelle elettromagnetiche’, sul clima e sul tempo?
4. Tali effetti sono probabilmente trascurabili – cioè, immeritevoli di studio – per lo studio del clima e del tempo?
5. Se tali effetti sono, di fatto, non trascurabili, allora perché questi fattori non sono stati esaminati o affrontati?
Saluti, Marcus Karr – Cittadino preoccupato degli Stati Uniti.
Lettera Aperta agli Avvelenatori del Pianeta ultima modifica: 2015-08-14T13:11:42+00:00 da Sergio Tracchi

One comment

  1. aurora scrive:

    Potremmo lasciare in pace almeno la natura? Abbiamo tormentato popoli e nazioni per il ns rendiconto, dal petrolio alla religione obbligandoli a seguirci ,con i risultati che stiamo osservando, almeno la natura lasciamola in pace, perché già si sta rivoltando contro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook