La sinistra sconfigge il Pd del bugiardissimo

di Augusto Grandi

girano

renzi burattinoGli elettori del Pd non credono più al bugiardissimo. Che, alle elezioni per il rinnovo dei sindaci, vince nelle città con elettorato di centrodestra, come Lecco, ma perde nelle roccaforti rosse, come Venezia ed Arezzo. Ma anche a Venaria, alle porte di Torino, con un risultato estremamente significativo. Il voto popolare non premia più la sinistra perché il Pd non è più sinistra. Un partito di bobo, di gauche caviar e di politicamente corretti che scaricano gli invasori nei quartieri popolari e tagliano le pensioni perché i soldi pubblici devono servire solo per i clandestini. Tagli nel nome dell’Europa mentre i compagni alla Farinetti diventan sempre più ricchi. Ovvio che la base popolare non voti più per il Pd. Per ora si limita a disertare le urne, in attesa che dalla Lega o da Fdi arrivino programmi chiari e comprensibili, ma anche credibili, sul fronte economico. E non basta al bugiardissimo ed alla sua compagnia di giro scaricare le proprie colpe sull’Europa, come nel caso degli invasori. Perché l’Europa in questo caso e’ stata chiarissima ed onesta: suddividiamo i profughi, ma solo se l’Italia rimanda a casa loro tutti quelli, e sono la stragrande maggioranza, che profughi non sono ma si limitano a pretendere di essere mantenuti negli hotel vista mare con tv al plasma e wifi a carico dei contribuenti italiani. Ma i buonisti italiani non vogliono ricacciare i nullafacenti di ogni parte del mondo e, giustamente, l’Europa non vuole più pagare per gli errori italiani. Perché solo l’ignoranza e la faziosità dei media italiani al servizio del bugiardissimo continua a spacciare per siriani gli invasori in arrivo dall’Africa sub sahariana; o per donne e bambini dei maschi di 20-30 anni che non han voglia di far nulla; o per Paesi in guerra quelli che sono in pace da 10 anni. Africa continente poverissimo, alla fame, alla disperazione, secondo la dis informazione italiana. Africa che sta crescendo e continuerà a crescere più dell’Europa e molto più dell’Italia, nella realtà dei dati economici. Tra i nuovi mercati più interessanti per esportare i prodotti di qualità italiani figurano l’Angola, l’Egitto, il Ghana, il Kenia, il Marocco, la Nigeria, il Sudafrica, la Tunisia. Ma noi accogliamo gli invasori in arrivo da questi Paesi come se si trattasse di profughi in fuga non si sa da cosa. Forse solo dal lavoro. Questo il bugiardissimo finge di non saperlo, ma lo hanno perfettamente capito i suoi ex elettori. Stufi di pagare tasse e tariffe sempre più alte solo per far contenti i buonisti dei cialtroni delle associazioni che lucrano sugli invasori. Così le città passano al centrodestra, senza troppe illusioni che i nuovi eletti sappiano amministrarle, o ai grillini. Venaria, città storicamente rossissima, e’ stata conquistata dai 5 stelle con una vittoria schiacciante: 72 a 28. Non è solo il candidato del Pd ad essere stato umiliato, ma tutta la politica della sinistra di Torino e del Piemonte. Un sistema di potere che tutela gli amici degli amici e crea legioni di esclusi. E la comparsata del governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino, a sostegno del candidato Pd e’ servita solo a rimarcare la distanza tra la politica del Sistema Torino ed il popolo che non fa parte di questo mondo autoreferenziale.

Augusto Grandi

augusto grandi

La sinistra sconfigge il Pd del bugiardissimo
Tag:                         

Un pensiero su “La sinistra sconfigge il Pd del bugiardissimo

  • 18 Giugno 2015 alle 12:32
    Permalink

    Bellissima disamina ma i Pidiessini la leggeranno? E dopo averla letta si daranno una mossa? Io sono nata “Liberale” avevamo un maestro strepitoso che ci fece amare la politica seria e a vantaggio del cittadino
    Ed ho sempre creduto che una dx o una sin debbano avere un interlocutore, SANO. Ma dove si trova la sinistra? Vorrei che ci fosse per il bene del paese

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.