Noi Orfani del cibo

di Antonella Policastrese

           “La Terra va curata e non soggiogata”.

papa-expo-675

        Sono le parole del Papa che in occasione dell’Expo’,dedicata al cibo non ha fatto mancare il suo messaggio sulle diseguaglianze tra gli uomini ed il non accesso al cibo.


Un tempo mangiare insieme, riunirsi intorno ad una tavola anche per condividere una minestra e del pane, era considerata preghiera. La tavola era il momento in cui una famiglia si ritrovava per parlare di quanto era successo e godere del piacere di stare insieme. Ma le sane abitudini muoino in fretta e con l’avvento della modernità pranzare o cenare è diventato un optional. Il consumismo ha preso il sopravvento ed in questo cibarsi sregolatamente magari difronte alla tv abbiamo perso i valori fondanti legati alla terra e di tutti quei prodotti che provenivano da essa. L’uso selvaggio e distorto di considerare il cibo un business sta provocando anomalie tali da perdere le nostre buone e sane abitudini per mancanza di denaro non sufficiente per sfamarsi e soprattutto favorendo le multinazionali che hanno adocchiato il modo di arricchirsi sulle nostre spalle. Non poteva mancare il monito del Papa per questa povertà crescente che ci priva anche del gusto di mangiare nell’opulento Occidente, facendoci somigliare sempre più a realtà dell’America latina. In Italia, come in quelle zone, sempre più gente fruga nella spazzatura in cerca di qualcosa da mettere sotto i denti, grazie ad una crisi creata per dividere sempre più il mondo in ricchi e poveri. Basti dare un’occhiata alle regole capestro di un’Europa che impone ai nostri allevatori la quota latte da produrre e pagando il latte una miseria ai produttori, salvo accorgersi che sugli scaffali della grande distribuzione il prezzo è triplicato. Ma tutto questo non succede solo con il latte, ma anche con gli agrumi, con le mele, che gli agricoltori lasciano sull’albero in quanto non conviene nemmeno raccoglierle, per una concorrenza sleale rispetto ad altre merci che arrivano da altre parti del mondo. Non ci è consentito più nemmeno di creare un’agricoltura alternativa di tipo famigliare perchè gli affari, la finanza inducono gli avvoltoi a mettere veti, multe se qualcuno vuole ritornare a fare il contadino. Bisognerebbe guardare più a fondo e forse sarebbe il caso di scomunicare chi ci nega l’accesso al cibo all’acqua alla terra per farne profitti. Intanto una cosa è certa. Abbiamo perso il senso di comunità.     

        Ci ritroviamo sempre più soli davanti alle nostre miserie ed in questa profonda solitudine i lupi cattivi non ci mettono niente a spolparci vivi dopo aver abbattuto ogni certezza ogni speranza.

Antonella Policastrese

Antonella Policastrese

Noi Orfani del cibo
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.